C’è una conduttrice Rai che non sempre riceve un trattamento piacevole da parte della sua azienda, perlomeno nel periodo del Festival di Sanremo. Si chiama Milly Carlucci. Camilla Patrizia (questo il suo nome all’anagrafe) è un volto di punta dell’azienda di Stato, nonché l’unica capace nel tener testa alla temutissima Maria De Filippi al sabato sera, spesso anche con risultati superiori alla concorrenza. Quando tutti i suoi colleghi “scappano” nella serata più facile del venerdì, lei non si tira indietro: Ballando con le stelle è giunto alla tredicesima edizione e fa sempre la sua porca figura, eppure al Festival trova poco spazio.

Un anno fa non era proprio stata contemplata nel Festival di Carlo Conti, mentre la “DeFi” ha avuto terreno libero per cinque serate. Quest’anno? Un po’ meglio, ma non troppo. Se la conduzione è stata affidata a Michelle Hunziker, Milly è stata scelta come esperta per la giuria di qualità, ma questo ha tutto il sapore di un contentino per rispondere all’ennesima conduttrice Mediaset sul palco più ambito di mamma Rai. Tra l’altro, è stata fatta sedere in seconda fila: che smacco per una come lei. Intanto questa sera la collega Antonella Clerici salirà sul palco come super-ospite per lanciare Sanremo Young, il nuovo programma presentato anche nella tradizionale conferenza stampa odierna. Anche Milly avrà l’opportunità di salire sul palco o pure stasera sarà relegata alla seconda fila della platea del Teatro Ariston?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2018, chi vincerà? Ecco i possibili candidati al podio (e chi già avanza su Spotify)

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2018, la sera di Laura Pausini: l’acclamata “salvatrice della patria” torna all’Ariston

next