Per fortuna non tutti i proverbi funzionano. Se fosse vero che “chi ben comincia…” ieri sera ci saremmo dovuti mettere le mani nei capelli. Il peggio della prima serata sanremese, infatti, è andato in onda ancor prima che il sipario dell’Ariston si alzasse. E’ avvenuto nel corso della puntata di La vita in diretta trasferita per tutta la settimana nella città ligure, condotta da una sempre più bamboleggiante Francesca Fialdini, frequentata dalla solita compagnia di giro femminile (Giacobini, Parietti..) a cui si aggiungevano collegamenti mal gestiti e intermezzi comici imbarazzanti. Un inutile chiacchiericcio in cui ognuna faceva a gara a giustificare la propria presenza. A un certo punto Marinella Venegoni confessava di non sentire nulla di quello che si diceva, con un punta di autoironia riferita alla sua età non più verdissima. Ma quel gentiluomo di Marino Bartoletti la rassicurava: non si capiva nulla perché in quello studio si stava realizzando il celebre principio biscardiano: parlate non più di tre alla volta. Con la differenza che al Processo le voci si sovrapponevano su temi caldi – rigori non dati, fuorigioco fischiati, tattiche sbagliate – lì a La vita in diretta la sovrapposizione era sul nulla.

Ma, come dicevamo, non sempre occorre cominciare bene per fare un buon lavoro. E quello che si è visto nella prima serata è stato decisamente buono. Con un artefice, protagonista e mattatore, Fiorello. Privo di un suo show generalista da troppo tempo, ha pensato bene di farselo a Sanremo. Costretto dal malanno di Laura Pausini (non tutte le tracheiti vengono per nuocere) a raddoppiare la sua presenza, ha infilato la sua solita serie di battute esilaranti, mai pesanti sempre giocose ma pungenti, con tono e bersagli vari. Dalla proliferazione dei Pooh al trasformismo politico di Orfeo, agli eccessi di romanticismo di Claudio Baglioni colto in surreale “puttan tour”. E poi il suo cavallo di battaglia, la performance canora con le parole delle canzoni di Baglioni sulla musica di quelle di Morandi e viceversa. Se posso dare un consiglio alla Rai, meglio tenerselo fino a sabato Fiorello, anche a costo di pagarlo in bitcoin come ha chiesto espressamente al direttore generale.