“Per fare il tavolo ci vuole il legno. Per pare il legno ci vuole l’albero. Per fare l’albero ci vuole il seme”. Chissà, cosa penserebbero Gianni Rodari e Sergio Endrigo di Lina, auto elettrica costruita con lino e barbabietola: si tratta del progetto realizzato da un gruppo di studenti olandesi dell’università di Tecnologia di Eindhoven, che hanno messo a punto una carrozzeria biodegradabile costituita di materiali di origine vegetale. Questa vetturetta è progettata per gli spostamenti urbani: l’abitacolo può accogliere 4 passeggeri, mentre la velocità massima di 80 km all’ora.

“Abbiamo applicato una combinazione di materiali e plastiche a base biologica per creare il telaio dell’auto”, ha dichiarato Yasmin Amel Gharib, 22 anni. “Il bio composito è fatto di lino, una pianta che può essere coltivata in qualsiasi clima temperato. L’anima a nido d’ape è invece prodotta a partire dall’acido polilattico, una bioplastica ricavata interamente da barbabietole da zucchero”. E, al momento della rottamazione, la scocca e gli interni possono essere riciclati.

Più nel dettaglio, la costruzione sfrutta una struttura composita all’avanguardia: le lamine di biomateriale fatte coi derivati del lino sono tenute insieme da un’anima a nido d’ape prodotta con acido polilattico. L’esito finale è sorprendente: il materiale, leggero e resistente, contribuisce a limitare il peso del veicolo ad appena 310 kg. Solo le ruote e i sistemi di sospensione non sono fatti di materiali a base biologica.

Tuttavia l’indeformabilità del materiale stesso non consentirebbe a Lina di superare i crash-test, che invece necessitano di zone di deformazione programmata del veicolo. Certo, per produrre le “lamiere vegetali” serve complessivamente tanta energia sia per la coltivazione/raccolta che per la lavorazione tecnica: tuttavia il bilancio diventa positivo se si considera l’anidride carbonica assorbita dal lino durante la sua crescita (anche se per ogni auto servirebbero 300 mq di terreno coltivato).

In ogni caso il progetto è fecondo, prova ne è che pure Ford sta studiando la bioplastica per gli interni delle proprie auto a partire dagli scarti di lavorazione dell’agave. “Sappiamo che il materiale innovativo che abbiamo sviluppato è adatto a qualcosa di più delle sole automobili, quindi speriamo che le persone utilizzino le nostre conoscenze per un futuro bio-based”, sostiene Yasmin Amel Gharib.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nissan Yoka ECO Bus, test in Giappone per l’autobus a batteria figlio della Leaf

prev
Articolo Successivo

Porsche, all-in sull’elettrico. Investimenti doppi: 6 miliardi di euro entro il 2022

next