Sei persone ferite tra cui un bambino e tutte le famiglie residenti evacuate. Un’esplosione avvenuta intorno alle ore 5 del mattino e dovuta probabilmente a una fuga di gas, ha distrutto due appartamenti agli ultimi piani di una casa a Sesto San Giovanni, nel Milanese, in via Villoresi. Cinque dei sei feriti erano in uno dei due appartamenti e hanno subito traumi lievi, compreso il bambino di 9 anni. Il sesto ferito, una persona di 73 anni, che viveva nell’altro appartamento, ha riportato ustioni di secondo grado. Per questo motivo si suppone che l’esplosione, su cui stanno indagando i vigili del fuoco e la polizia, sia avvenuta nell’appartamento di quest’ultimo. 

“Viveva solo, la moglie è morta non più di tre anni fa. Ultimamente non stava bene di salute, speriamo si riprenda dallo spavento”, ha raccontato una testimone. Tre feriti sono stati portati all’ospedale Niguarda, tra cui l’uomo ustionato, e tre al San Raffaele. Nessun passante, vista anche l’ora dello scoppio, è rimasto colpito dalla caduta dei calcinacci e dei vetri sulla strada. Le dodici famiglie residenti nell’edificio sono state evacuate e sono ora assistite in un punto di emergenza allestito sul posto: sono in totale 18 le persone sfollate. “Allo stato attuale, dopo le prime verifiche strutturali, l’edificio è stato dichiarato non agibile e questo probabilmente per 10-15 giorni a tutela dei residenti”, ha detto all’Ansa il sindaco Roberto Di Stefano. Sarà valutata anche l’agibilità di un edificio vicino danneggiato dallo scoppio.

“Un forte boato, forte come una bomba. Ecco cosa abbiamo sentito alle 5 di mattina. L’esplosione ci ha sorpresi nel sonno“.  Secondo una testimonianza, l’esplosione è stata avvertita in un raggio di diversi chilometri. Quella all’angolo tra via Oslavia e via Villoresi è una zona densamente abitata di Sesto San Giovanni, nei pressi della fermata metro di Sesto Marelli.