Una tripletta che mette il sorriso in vista delle Olimpiadi invernali sudcoreane, in programma tra meno di un mese. In questo momento la discesa libera femminile di sci alpino è terra di conquista italiana. Sulla storica pista dedicata a Franz Klammer di Bad Kleinkirchheim, in Austria, Sofia Goggia, Federica Brignone e Nadia Fanchini hanno monopolizzato il podio della gara di Coppa del Mondo: prima, seconda e terza, senza rivali. Nella nebbia che ha costretto anche ad abbassare la partenza, le campionesse azzurre sono state nettamente più forti e coraggiose di tutte le avversarie. Il tempo della quarta classificata, Tina Weirather, è lontano un secondo e 74 centesimi da quello di una velocissima Goggia. Lasciata addirittura a più di tre secondi la campionessa statunitense Lindsey Vonn, seppur frenata da un infortunio.

Si tratta della prima volta che l’Italia riesce a ottenere un podio tutto azzurro in una prova di discesa libera femminile. Per la 25enne bergamasca è il quarto podio della stagione, ma la prima vittoria, dopo i due sigilli della scorsa stagione proprio sulla pista di Jeongseon, dove si disputeranno le prove olimpiche di SuperG e discesa. Conferma il suo straordinario periodo di forma anche Brignone, che solo ieri aveva festeggiato la sua vittoria in SuperG sulla stessa pista. Felice sul terzino gradino del podio anche Nadia Fanchini, in pista per onorare la sorella Elena, fermata da un tumore. Dopo sabato, anche questa tripletta delle azzurre – che ricorda quella dello scorso anno ad Aspen – è dedicata alla compagna impegnata a curare la malattia.