“Mi devo fermare, ho un tumore“. Elena Fanchini ha annunciato a Teleboario che dovrà rinunciare al sogno olimpico, per curare una neoplasia di basso grado. La discesista azzurra, 32enne sorella maggiore di Nadia, è uno dei simboli della nuova valanga rosa che lo scorso anno ha portato al record di podi stagionale. Medaglia d’argento ai Mondiali di Bormio del 2005, due vittorie in Coppa del Mondo a Lake Louise e Cortina d’Ampezzo, era pronta a volare in Corea del Sud per provare a conquistare anche una medaglia ai Giochi invernali. Fino a quel “problema di salute” della settimana scorsa e a quegli “accertamenti” disposti dalla Federazione che avevano giustificato la sua assenza per la gara di Bad Kleinkircheim. Poi l’annuncio: “Sto effettuando tutti gli esami del caso presso la clinica Humanitas, mi curerò, e la mia intenzione è quella di tornare il prossimo anno a sciare”.

“Voglio che Elena sappia che siamo tutti con lei e con la sua famiglia – ha detto il presidente della Fisi, Flavio Roda – e che aspetteremo il suo ritorno sulle piste da sci”. I primi malesseri la discesista Fanchini li aveva accusati già durante le feste di Natale, dopo un altro ottimo inizio di stagione in cui aveva già strappato il pass per Pyeongchang con il quarto posto nella prima gara in Canada. Scoperta la malattia, la 32enne non molla e ha già messo nel mirino la prossima stagione. Si curerà e poi riprenderà ad allenarsi in palestra. A insegnarle come tener duro ci sarà la sorella Nadia, rientrata alle corse a dicembre dopo l‘ennesimo infortunio della sua carriera e pronta a dare tutto alle Olimpiadi, anche per la sorella maggiore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Detroit 2018, la Mercedes Classe G è nella resina come un insetto – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Tennis, show in campo: Andrea Petkovic si scatena sulla musica dei Daft punk. Il ballo è irresistibile

next