Sono entrati in azione coperti da passamontagna e occhiali da sci, armati di pistole e con un’ascia per spaccare la vetrina dell’hotel Ritz, nella centrale place Vendome a Parigi. Così cinque rapinatori arrivati in motorino hanno preso d’assalto la gioielleria dello storico hotel a 5 stelle preferito da Hemingway. Il bottino – 4,5 milioni di euro in gioielli – è in mano a uno dei due rapinatori riusciti a fuggire, uno a piedi e l’altro in scooter. In tre, invece, sono stati arrestati durante la fuga.

Erano le 18.30 quando la banda è entrata in azione, confusa nella folla del centro nel primo giorno dei saldi. Nel Ritz si è scatenato il fuggi-fuggi. Lo scrittore Frederic Beigbeder, comodamente seduto nella hall dell’hotel dal quale partì la tragica fuga di Lady Diana e Dodi al Fayed, sorpreso dagli eventi, si è dovuto rifugiare nel piano seminterrato dove ci sono i garage quando ha visto la banda di rapinatori sbucare all’improvviso dalle porte del bar Hemingway, attraverso il quale erano penetrati nella scintillante galleria del Ritz dopo essere entrati dal retro.

I cinque hanno spaccato il vetro della gioielleria – nella quale espongono diversi grandi nomi del lusso – hanno arraffato tutto il possibile e si sono dati alla fuga. Tre sono stati fermati dai poliziotti di servizio attorno all’hotel e nella zona di place Vendome, dove proprio accanto all’hotel sorge il palazzo di Giustizia. Bloccata fino a tarda serata la rue Cambon, la più importante via di fuga che dal retro del Ritz, l’ingresso scelto dai rapinatori, conduce a place de la Concorde e quindi agli Champs-Elysees.

A Parigi, in tarda serata, il centro era ancora blindato e nelle strade era in corso una caccia all’uomo. Intanto, il prefetto Michel Delpuech si è congratulato con i poliziotti che sono riusciti ad arrestare la maggior parte della banda, tre pregiudicati noti per precedenti rapine a mano armata. La zona di place Vendome, fra le più ricche e lussuose della Ville Lumiere, è presa regolarmente di mira dai rapinatori e la sicurezza del quartiere, proprio dopo un paio di colpi simili a quello di stasera, era stata rafforzata dal 2014.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, Maha Abdelrahman e la “ricerca partecipata” sotto la lente dei pm: come si è arrivati all’interrogatorio della prof

next
Articolo Successivo

Ammy Dolly Everett, 14enne suicida in Australia per bullismo. Il padre: “I responsabili vengano al funerale”

next