“La maestre si sono preoccupate per la sentenza del Consiglio di Stato, quello che dico è che abbiamo immediatamente attivato e chiesto l’opinione dell’Avvocatura dello Stato perché quella sentenza non dice come va applicata. Io dico, legittimo protestare ma facciamo attenzione perché il ministero è impegnato nella continuità scolastica e perché appena l’avvocatura si pronuncerà io convoco il tavolo e troveremo le soluzioni idonee. Il tema è per chi e per che cosa serve il concorso ad hoc? E’ prematura questa discussione, aspettiamo l’esito dell’Avvocatura e poi troveremo le soluzioni. Ci sono in campo anche gli interessi dei laureati e il tema è: affronteremo tutto”. Così la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli in merito allo sciopero degli insegnanti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Una copia della Costituzione per ogni studente? Servono anche insegnanti capaci di farla vivere

prev
Articolo Successivo

Ricerca, il Ministero vuole i Prin in inglese. L’italiano (e l’università) a rischio eliminazione

next