Due signore di ottant’anni di Modena nei giorni scorsi hanno deciso di siglare la loro unione civile. Stavano insieme da quarant’anni. Ogni legge di civiltà sprigiona i suoi effetti senza alcun frastuono, giorno dopo giorno. È linfa vitale che aiuta a vivere meglio, che dà dignità ai nostri comportamenti e regala rispetto alle nostre scelte. Una legge di civiltà è come l’aria: non ce ne curiamo, e siamo costretti ad accorgercene di quanto sia preziosa e indispensabile solo quando il nostro respiro la cerca e non la trova.

Una legge di civiltà non ci impone una scelta ma ci permette di compierla; non ci impone una condivisione ma ci chiede solo di avanzare il nostro rispetto alle convinzioni altrui. Queste due signore di Modena per quasi mezzo secolo hanno gioito del loro amore ma patìto in silenzio la sua esclusione dalla cerchia di ogni diritto, di ogni virtù. Oggi, quando la loro vita volge verso il tratto finale, vedono il traguardo. Eppure non si fa mai tardi per la felicità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia dei peggiori e la richiesta mediocre del voto utile – L’istantanea di Caporale

next
Articolo Successivo

Miss Toga, la nuova frontiera dell’avvocatura – L’istantanea di Caporale

next