Blogo, testata registrata e principale network di blog in Italia, ha presentato istanza di fallimento. A darne notizia sono stati gli stessi blogger della piattaforma ai quali in mattinata è stato tolto l’accesso per pubblicare su WordPress. La sospensione di tutte le attività è stata loro comunicata in poche righe via mail. Secondo quanto risulta a ilfattoquotidiano.it, i dipendenti hanno appreso delle difficoltà economiche che hanno portato all’istanza di fallimento soltanto due settimane fa. Il fondo lussemburghese ICS Securites che la controlla al 100%, riportano le agenzie, ha deciso di non ricapitalizzare la società e l’amministratore delegato Edoardo Negri, nominato a maggio, venerdì scorso ha portato richiesta di fallimento al Tribunale di Milano. Nei prossimi giorni è attesa la nomina del curatore fallimentare.

I dipendenti erano già senza stipendio (sono circa 80 gli editor e i collaboratori, che vengono pagati a 60 giorni, non hanno ancora incassato i compensi di ottobre, novembre ed ovviamente dicembre). “Scrivere per oltre 10 anni è stato un privilegio – scrive Fabio Traversa di Reality&Show -. Oggi Blogo ha deciso di sospendere le pubblicazioni di tutti i blog. Una scelta della quale noi blogger non possiamo che prendere atto”. E Duccio Fumero, gestore del blog Rugby1823 precisa: “Evito di commentare come in questi anni si sia giunti a ciò”. All’interno del network, coordinato dalla redazione, oltre 50 magazine verticali – dalle news al gossip – ai quali collaboravano decine di blogger.

Blogo, si legge nella presentazione online, “è l’editore nativo digitale col maggior numero di lettori in Italia (Fonte: Audiweb)”. In passato aveva acquisito anche il network Blogosfere. Tra i blog più popolari della piattaforma ci sono Autoblog e Motoblog per i motori, e poi Gossipblog.it, Soundsblog.it, TvBlog e Cineblog.it. Negri, intervistato dalla rivista online Engaged aveva parlato dei suoi obiettivi per il 2017: “Consolidare in particolare il posizionamento di Editore nativo digitale e di media company leader nell’utilizzo della tecnologia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra alle fake news, Facebook si arrende

next
Articolo Successivo

Buon Natale da il Fatto Quotidiano. Evviva noi!

next