Si era presentata alla festa dell’Unità di Bologna e, mentre dal palco parlava il segretario del Pd Matteo Renzi, lo aveva interrotto, urlando e sventolando una bandiera sulla quale si leggeva “No Salva Banche. Ora, tre mesi e mezzo dopo, il Partito democratico prima annuncia di voler denunciare Giovanna Mazzoni, la risparmiatrice di Ferrara rimasta danneggiata dal crac della Cassa di risparmio della città emiliana che aveva contestato l’ex premier, e poche ore dopo fa sapere di aver deciso di ritirare la querela.

La querela era stata presentata dal tesoriere del partito Francesco Bonifazi ai carabinieri di Firenze, ma a procedere sarebbe stata la Procura di Bologna con l’aggiunto Valter Giovannini. Secondo la denuncia presentata dal Pd, la signora Mazzoni gridò: “Voi avete rubato, rivogliamo i nostri soldi”. Tanto che Renzi dal palco aveva replicato: “Voi avete rubato lo dice a sua sorella“.

Così, con quella replica (al microfono) a una frase gridata da una persona isolata in platea (sia pure ripresa dai giornali), sembrava che tutto fosse finito quel 2 settembre, quando la Mazzoni fu accompagnata fuori dalla festa dal personale del servizio di sicurezza. Invece no. Il Pd aveva avviato l’azione legale, ritenendo che quelle espressioni fossero diffamatorie nei confronti degli appartenenti al partito e dei dirigenti, aggiungendo che video della contestazione avevano trovato spazio anche su alcuni siti web.

Ora, la retromarcia. All’esito di “una valutazione complessiva” e dopo un dialogo con la persona coinvolta, il Pd ritirerà la querela, ha confermato l’avvocato Lorenzo Pellegrini, che segue la vicenda per conto di Bonifazi. La decisione è stata presa da parte dei dirigenti del partito pur rimanendo nella convinzione che ci fossero gli estremi di una responsabilità penale e assicurando che si continuerà nella ‘linea dura’ contro chi “dice cose false e diffamatorie” contro il partito stesso.

I VIDEO DI QUEL GIORNO

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia e massoneria, Bindi: “Reciproche utilità e interessi. La segretezza è pericolosa, va proibita”

prev
Articolo Successivo

Sicilia, De Luca dai domiciliari all’elezione a capogruppo del Misto. Ma è ancora indagato per evasione fiscale

next