C’è il rischio che l’Ilva di Taranto venga spenta il 9 gennaio 2018. Se il Comune e la Regione Puglia non ritireranno il ricorso al Tar sull’Ilva e il tribunale accoglie la sospensiva richiesta, il ministro Carlo Calenda ha annunciato che in quel giorno verrà avviato lo spegnimento dell’impianto. L’ultimatum del titolare del Mise arriva al termine dell’incontro con il governatore Michele Emiliano e il sindaco Rinaldo Melucci, che hanno depositato al Tar di Lecce un ricorso contro il piano ambientale licenziato lo scorso 29 settembre. Di “crisi nervosa” e “sbalzi d’umore” del ministro, parlano i due rappresentanti degli enti locali smentendo la necessità di avviare la chiusura del siderurgico jonico se la loro istanza non dovesse essere ritirata. Il nuovo scontro tra Roma ed enti locali ferma anche la trattativa tra azienda e sindacati, che avrebbero dovuto incontrarsi nuovamente il 22 dicembre: “È ovvio che non si può fare un negoziato con un ricorso in piedi”, dice la Fiom-Cgil.

Scontro a tre con De Vincenti
L’incontro, fissato dopo l’annuncio del ricorso da parte degli enti locali, è già arrivato al capolinea: “Se vanno avanti il ricorso, il tavolo è concluso”, ha detto il ministro. “Continueremo ad andare avanti con l’investitore, ma se la condizione è costruire un’addenda contrattuale con garanzia dello Stato – ha spiegato Calenda – non posso fare assumere allo Stato la responsabilità di 2,2 miliardi di euro per pagare il conto del ricorso”. Secondo Emiliano, al tavolo c’era “un clima positivo da parte di tutti” poi c’è stato uno scambio “di sms o non so cosa” fra Calenda e De Vincenti “al termine del quale il ministro ha avuto una crisi nervosa. Ha fatto un intervento durissimo e se ne è andato”. Una ricostruzione definita “farneticante” dal ministro della Coesione territoriale, De Vincenti: “Emiliano non sa quel che dice e, forse, neanche quel che fa”.

La replica del ministro: “Emiliano non vuole accordo”
“Non entro nel merito delle solite dichiarazioni scomposte del presidente Emiliano su di me”, ha replicato Calenda precisando “l’unico sms che ho ricevuto nel corso della riunione veniva proprio da Emiliano ed era il seguente: ‘Dobbiamo chiedere formalmente di riaprire il riesame Aia nelle sedi opportune…ministero ambiente con autorità competenti, tra cui regione provincia e comune, e poi travasare gli esiti nel piano industriale. Altrimenti, aria fritta…questa riunione di oggi non può superare le norme vigenti che attengono l’Aia’“, scrive il ministro in una nota. Secondo il titolare del ministero dello Sviluppo economico, seguendo la linea “indicata dal governatore dovremmo annullare il piano ambientale, ovvero lo stesso effetto dell’accoglimento del ricorso al Tar”. Per questo “è del tutto evidente” che Emiliano “avesse già maturato l’intenzione di non raggiungere l’accordo al tavolo” nonostante “gli impegni presi sull’anticipo della copertura dei parchi, sul danno sanitario e le bonifiche”.

“Abbiamo fatto il massimo, si assumano responsabilità”
“Abbiamo fatto il massimo. Il sindaco ha detto che avrebbe ritirato il ricorso e non lo ha fatto. Io ho detto che non mi sarei seduto se non si ritirava il ricorso ed alla fine l’ho fatto lo stesso. Io da qui non vado avanti – insiste Calenda – Il governatore ed il sindaco si assumeranno le loro responsabilità. Io non lavoro con la spada di Damocle del ricorso. Oltre questo non sono capace ad andare”. E fissa al 9 gennaio una data spartiacque per il futuro dell’Ilva di Taranto, che rischia di essere avviata allo spegnimento se dovesse essere accolta la sospensiva richiesta al momento del deposito dei ricorsi contro il decreto del presidente del Consiglio dei ministri sul piano ambientale, che ha fatto slittare di diversi anni alcuni interventi di bonifica in teoria da concludere negli scorsi anni.

Servono garanzie per oltre 2 miliardi
Uno degli effetti del ricorso sarebbe, secondo il ministro, quello di subordinare l’avvio degli investimenti previsti da AmInvestco per circa 2,2 miliardi di euro al rilascio di idonee garanzie rispetto al rischio legato allo stato di incertezza che deriverebbe dalla impossibilità di proseguire l’attività degli impianti produttivi.  Garanzie che ammonterebbero dunque a 2,2 miliardi di euro e che Calenda non intende pagare. “Non sono disposto a buttarli per pagare il conto della politica dei ricorsi del governatore della Puglia e del sindaco di Taranto”, scandisce al termine dell’incontro. Emiliano e Melucci, infatti, aggiunge ancora Calenda, si sono detti disponibili “a ritirare solo la richiesta di sospensiva ma non il ricorso nel merito e che questo lo valuteranno nel tempo”.

Emiliano: “Ministro immaturo, racconta sciocchezze”
“Non è vero che il ricorso blocchi alcunché. Sono delle sciocchezze che non so chi gli ha raccontato – afferma Emiliano – Non è vero. Con Mittal, dopo la sceneggiata di Calenda, ci siamo salutati e ci siamo proposti di vederci al più presto, quindi quel che dice Calenda non è vero”. Il tavolo, ribatte il governatore, “può proseguire anche senza di lui, che è pro tempore“. Emiliano chiarisce che “è’ necessaria una sdrammatizzazione”: “Se Calenda fa questa pantomima perché ha capito che questa operazione può avere altre problematiche e pensa di dare la colpa alla regione Puglia e al comune di Taranto si sta comportando in modo immaturo e ne risponderà nelle sedi competenti”. Annuncia invece il ritiro dell’istanza cautelare il sindaco Melucci, spiegando che “il ricorso può cadere anche nell’arco di pochissimi giorni se arrivano delle garanzie è stata una chiacchierata introduttiva che ha dato il via ad un vero negoziato formale”. Secondo il sindaco “il tavolo non salterà, nonostante gli sbalzi di umore che non capisco, è una persona responsabile e il governo è nella sua fase di chiusura e non può prendersi la responsabilità di non discutere con il territorio su una vicenda cosi grande”.

Stop a negoziato con i sindacati
Lo scontro trascina con sé anche il negoziato in corso tra azienda e sindacati. Come annunciato da Francesca Re David, segretario generale della Fiom-Cgil, “per il momento il tavolo è stato sospeso”. AmInvestco e rappresentanti dei lavoratori avrebbero dovuto incontrarsi nuovamente il prossimo 22 dicembre, ma l’incontro salterà: “Sono stati presi degli impegni importanti nel piano, sull’impatto sanitario e il suo controllo – dice Re David – Noi crediamo, come diciamo sin dall’inizio, che il ricorso vada ritirato, perché è ovvio che non si può fare una trattativa con un ricorso in piedi. Presentarlo è stato un errore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etruria, Ghizzoni: “La Boschi mi chiese se potevamo valutare un intervento. Poi arrivò il sollecito di Marco Carrai”

next
Articolo Successivo

Etruria, dopo Boschi anche Carrai. Tutti gli interessi del Giglio magico tra novembre 2014 e gennaio 2015

next