Ma perché votare? Al presidente della Repubblica non dispiacerebbe che Paolo Gentiloni restasse premier ancora per molto. A Silvio Berlusconi neanche. A Matteo Renzi dispiacerebbe un po’ ma, visti i tempi, terrebbe il rospo in pancia. E siamo sicuri che i Cinquestelle vogliono davvero governare? E tutti quei parlamentari di centro, di destra, di sinistra, che tra qualche settimana dovranno fare le valigie? Pensate solo a come deve sentirsi Angelino Alfano

Per questo è stata approvata la sconclusionata legge elettorale: fare in modo che dalle urne esca non un voto ma un boh.

Primum vivere. Votare dopo, per favore. E se proprio si deve, che almeno si faccia per finta. E’ più chic!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bagnoli, la bonifica della bonifica – L’istantanea di Caporale

next
Articolo Successivo

Terremoto di Amatrice e dintorni. Progettisti geniali – L’istantanea di Caporale

next