Dan Johnson, parlamentare repubblicano del Kentucky, si tolto la vita dopo le accuse di aver violentato una donna nel seminterrato di casa sua nel 2013. Lo sceriffo della contea di Bullitt, Donnie Tinnell, ha riferito che l’uomo si è sparato su un ponte. Lunedì il Kentucky Center for Investigative Reporting aveva reso nota la denuncia della donna. All’epoca la polizia aveva indagato, senza poi presentare accuse formali. Lunedì il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura. Martedì Johnson aveva definito le accuse “totalmente false” e parte di una strategia per screditare il Grand Old Party, citando il caso di Roy Moore, il candidato repubblicano sconfitto in Alabama nelle elezioni suppletive del 13 dicembre accusato di aver molestato alcune minorenni.

L’uomo, un pastore evangelico, è stato ritrovato morto accanto alla sua auto nella notte tra ieri e oggi nella zona del Mount Washington. Gli inquirenti, come riportano i media americani, non hanno dubbi si sia trattato di suicidio: il 57enne si è ucciso con un unico colpo di pistola. L’autopsia è prevista in mattinata. Johnson era stato eletto nel parlamento locale nel 2016, nell’ondata di vittorie repubblicane che ha portato il Gop a controllare la Camera dei rappresentanti del Kentucky per la prima volta in quasi 100 anni: Johnson aveva vinto nonostante i leader repubblicani gli avessero chiesto di abbandonare la corsa dopo che i media locali avevano rivelato alcuni dei suoi post su Facebook in cui paragonava Barack e Michelle Obama alle scimmie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belgrado, scontri allo stadio durante il derby. Fanno tutto gli ultras del Partizan: lotta per il controllo della curva

prev
Articolo Successivo

Per il Nobel a Ican ci siamo commossi in migliaia. Ma è ora di tornare a lottare contro le bombe

next