“Avere 20 anni al Sud: le ragioni per restare e per tornare”, è il titolo del convegno organizzato a Napoli dal Mattino con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, i ministri Carlo Calenda e Claudio De Vincenti, il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. Quelli che hanno vent’anni al Sud hanno provato a entrare per raccontare al presidente del Consiglio che cosa significa avere 20 a Sud: “20 anni come il pacchetto Treu che ci ha reso precari e sfruttati”. La polizia li ha respinti e manganellati, ha messo uno di loro in stato di fermo, le cose che avrebbero voluto dire a Gentiloni le hanno dette qui.

Ho seguito il convegno in streaming. Gentiloni ha fatto una certa fatica a spiegare quali sono le ragioni per restare e per tornare a Sud: “Siamo a metà del guado – ha azzardato – la crescita nelle regioni meridionali, con differenze tra le regioni, ha raggiunto livelli allineati a quelli nazionali con dati dell’export per alcuni versi estremamente incoraggianti“.

Esportiamo principalmente una cosa, però: i giovani, che non trovano ragioni per restare. Nel 2016 hanno lasciato l’Italia in 124mila: il 40 per cento hanno tra i 18 e i 24 anni e partono per lo più dalle grandi città del sud. Cosenza, Salerno, Agrigento, Napoli, Catania e Palermo sono sei tra le prime dieci città che si svuotano senza che ci sia un ricambio, ci dice il Rapporto Caritas-Migrantes, perché quelli che abbandonano l’italia sono più di quelli in arrivo dagli altri paesi e invece di spacciare per emergenza l’immigrazione bisognerebbe raccontare l’emergenza emigrazione, soprattutto al Sud.

Quanto alla crescita, è solo per pochi: per i più ricchi, non certo per i giovani che a Sud non trovano lavoro: nel terzo trimestre del 2017 il tasso di occupazione dei giovani under 34 in Italia è del 41,3, solo che al Nord è del 50,7 e a Sud 29,5, dice l’Istat. Una donna residente al Sud ha meno della metà delle possibilità di trovare un lavoro rispetto a una nata o emigrata a Nord, dove il tasso di occupazione femminile è del 44,9 per cento a fronte del 22,3 per cento del Sud.

Tra gli under 34 i disoccupati a Sud sono il 27,9. Non significa che è disoccupato “solo” un giovane su tre – magari! – perché l’Istat considera “disoccupati” solo quelli che cercano lavoro. Tanti altri un lavoro non lo cercano, perché disperano di trovarlo. Non lo cercano nemmeno quando finiscono di studiare. I Neet, quelli che non studiano e non lavorano, sono aumentati in modo vertiginoso negli anni della crisi: sono 3 milioni e 300 mila in totale, un giovane italiano su 4, e un milione e 800mila solo a Sud.

Quel che sconcerta è che il dato, invece di migliorare, peggiora andando avanti con gli anni: nella fascia tra i 25 e i 29 anni, a Sud, quelli che hanno terminato gli studi e che ancora non hanno trovato un lavoro sono il 46 per cento del totale. Nella fascia tra i 30 e i 34 anni, quando una volta si comprava casa e si metteva su famiglia, la quota sale al 47 per cento del totale e al 57 per cento tra le donne. All’età in cui una volta si faceva carriera oggi lavora meno di un un giovane su due.

Anche se ha studiato, perché a Sud solo una minoranza dei laureati trova lavoro: il 41,5 per cento, contro il 70,7 del Nord. Chi lavora, del resto, lavora poco e male: sempre secondo l’Istat, i dipendenti a termine hanno toccato il valore più alto da quando sono disponibili le serie storiche: 2,7 milioni di lavoratori precari. I rapporti di lavoro di breve durata sono aumentati di un milione in pochi anni: dai 3 milioni del 2012 ai quasi 4 milioni del 2016.

“Abbiamo 20 anni come il Pacchetto.Treu”, dicono i ventenni a Gentiloni: “La legge voluta dall’Ulivo di Massimo D’Alema, Pierluigi Bersani, Antonio Bassolino e dallo stesso Gentiloni” che per prima ha legalizzato il lavoro precario: il lavoro interinale che con la Legge Biagi della Lega (Maroni) e di Berlusconi è diventato in somministrazione. Grazie a quella legge che nessun governo ha mai voluto cancellare, sono le agenzie che selezionano i lavoratori e li prestano alle aziende.

I rapporti di somministrazione durano in media meno di due settimane: 12 giorni. “E siccome erano troppi anche quelli si sono inventati i voucher”, dice Francesco, che è laureato in Scienze politiche e di lavoro fa le buste paga, con contratti interinali di uno o due giorni, ora che i voucher sono stati aboliti e non può più lavorare per poche ore. È per questo che con il lavoro non ci si campa più: i giovani in Italia guadagnano il 36 per cento in meno dei loro genitori. È per questo che non avranno pensione: a 75 anni, forse, dice il presidente dell’Inps Tito Boeri. È per questo che, secondo uno studio Eurofound, i nuovi posti di lavoro dei quali si vanta Renzi non sono un vanto perché creano lavoratori poveri: con stipendi da fame che si concentrano nel 20 per cento di occupazioni retribuite con le paghe più basse.

“La sfida del lavoro per i giovani del Sud esiste da lungo tempo – si giustifica Gentiloni – ma il contesto europeo e globale dell’economia, oggi ci dà l’occasione per dare risposte”. Le risposte date dai governi di larghe intese – Monti, Letta, Renzi e Gentiloni – sono queste qui, questi i risultati degli 80 miliardi regalati e promessi alle imprese da qui al 2019 per fare investimenti e creare lavoro.

“Al male che ci avete fatto voi è meglio se ci pensiamo noi”, dicono, ribaltando l’accusa: “Vogliamo candidarci alle elezioni con una lista popolare dalla parte degli sfruttati. Ci manganellano e ci arrestano come se fossimo noi i disobbedienti ma i disobbedienti  – stando alla legge – sono loro! Gentiloni, Bersani, Bassolino, Monti, D’Alema, Berlusconi, Maroni e Renzi. Sono loro che hanno disobbedito alla Costituzione che noi vogliamo far rispettare”. La Costituzione dice in effetti che il lavoratore ha diritto a una retribuzione che gli assicuri un’esistenza libera e dignitosa, ma da quando sono entrati in vigore il Pacchetto Treu, la Legge Biagi, La legge Fornero, il Jobs act questo diritto è stato cancellato e con lui la possibilità di restare e tornare a Sud.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, ‘oltre 500mila gli interinali e il 33% dei contratti è di un giorno. Giù del 10% tasso di occupazione dei 15-34enni’

next
Articolo Successivo

Ryanair minaccia i piloti italiani: ‘Se fate sciopero perderete aumenti e promozioni’

next