Le autorità palestinesi hanno proclamato per oggi lo sciopero generale in Cisgiordania per protesta contro le decisione del presidente Usa Donald Trump su Gerusalemme. Chiusi tutti gli esercizi commerciali, le scuole e le istituzioni pubbliche e private, anche a Gerusalemme est, dove si assiste a un consistente dispiegamento di forze della polizia israeliana in previsione di scontri con i palestinesi. Intanto, la sicurezza israeliana ha annunciato lo stato di massima allerta e l’esercito ha dispiegato rinforzi nelle aree sensibili lungo tutte le linee di contatto con i palestinesi, le cui fazioni hanno fatto appello a protestare a mezzogiorno in tutte le città dei Territori

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Daphne Caruana Galizia, la vittima ‘sfortunata’ della corruzione maltese

prev
Articolo Successivo

Gerusalemme, la mossa di Trump agita gli jihadisti. Vidino: “Adesso è più alto il rischio di attacchi in Europa e Stati Uniti”

next