Come ogni anno, la rivista Time sceglie la persona dell’anno. Dopo la copertina del 2016 dedicata a Donald Trump, quest’anno vince il movimento #metoo con le “silence breakers”, ovvero le donne che hanno rotto il silenzio sugli abusi e le molestie sessuali subite sul lavoro.

Un hashtag che in Italia ha avuto il suo omologo ed è diventato #quellavoltache dopo la denuncia di Asia Argento, che ha raccontato le violenze subite da un regista italiano (di cui non ha rivelato il nome) e da Harvey Weinstein, il potente produttore di Hollywood che ha scatenato l’effetto domino su altre segnalazioni di abusi da parte di attrici e donne dello spettacolo (ilfattoquotidiano.it ha lanciato l’iniziativa “ti racconto la mia”, per raccogliere storie e testimonianze).

Al secondo posto della classifica che vede in testa #MeToo, il presidente Donald Trump (che l’anno scorso la rivista ha definito il miliardario “presidente degli Stati divisi d’America”) e al terzo il presidente cinese Xi Jinping. Completano la cinquina il procuratore speciale Robert Mueller – titolare dell’inchiesta sul Russiagate – e il leader nordcoreano Kim Jong-un.

The Silence Breakers. The Voices that launched a Movement” (coloro che hanno rotto il silenzio. Le voci che hanno lanciato un movimento) è il titolo di copertina, con la foto di cinque donne (e il gomito di una sesta) vestite di nero: sono l’attrice ha lanciato l’hashtag, Tarana Burke, le attrici Rose McGowan, Selma Blair, Ashley Judd e la cantante Taylor Swift. “Questo è il cambiamento sociale più rapido che abbiamo visto negli ultimi decenni, è iniziato con singoli atti di coraggio da parte di centinaia di donne – e anche di alcuni uomini – che si sono fatti avanti per raccontare le loro storie“, ha commentato oggi il direttore di Time Edward Felsenthal al programma Today della NBC. La rivista peraltro è recentemente entrata in polemica con Trump, convinto che l’avessero contattato per rinominarlo persona dell’anno per la seconda volta consecutiva. Una ricostruzione che, però, Time ha smentito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scanzi presenta Renzusconi: “Il leader Pd? Brutta copia di B., il loro rischia di essere un inciucio perenne”

prev
Articolo Successivo

Stampa, Odg e Fnsi incontrano Gentiloni: “Parlamento contrario a cancellare carcere per i giornalisti”

next