«Se dite No, dite No per sempre», terrorizzava gli elettori Matteo Renzi. “In gioco c’è il futuro dei prossimi 30 anni”, diceva la”madrina” della riforma, Maria Elena Boschi. E ancora: “innovatori” contro «conservatori del no», per una riforma «attesa sa 70 anni» (dunque, prima ancora dell’entrata in vigore della Costituzione), era il ritornello scandito dal governo, in piena sovraesposizione mediatica prima del referendum costituzionale del 4 dicembre. Bastano archivi e pagine di giornale per ricordare. Nonostante le previsioni dai toni “apocalittici”, le urne poi avrebbero premiato i oppositori della riforma. Ma a un anno dalla vittoria del No cosa è rimasto di quelle profezie? E quali sono i prossimi obiettivi in vista delle elezioni? Il Fatto.it l’ha chiesto ad alcuni esponenti del Pd, protagonisti di quella campagna

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum 4 dicembre, un anno dopo: la “catastrofe” annunciata da Renzi con la vittoria del No? È l’implosione del ‘suo’ Pd

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, i nodi irrisolti dopo la scommessa persa da Renzi: dalle province ai Centri per l’impiego

next