«Se dite No, dite No per sempre», terrorizzava gli elettori Matteo Renzi. “In gioco c’è il futuro dei prossimi 30 anni”, diceva la”madrina” della riforma, Maria Elena Boschi. E ancora: “innovatori” contro «conservatori del no», per una riforma «attesa sa 70 anni» (dunque, prima ancora dell’entrata in vigore della Costituzione), era il ritornello scandito dal governo, in piena sovraesposizione mediatica prima del referendum costituzionale del 4 dicembre. Bastano archivi e pagine di giornale per ricordare. Nonostante le previsioni dai toni “apocalittici”, le urne poi avrebbero premiato i oppositori della riforma. Ma a un anno dalla vittoria del No cosa è rimasto di quelle profezie? E quali sono i prossimi obiettivi in vista delle elezioni? Il Fatto.it l’ha chiesto ad alcuni esponenti del Pd, protagonisti di quella campagna

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum 4 dicembre, un anno dopo: la “catastrofe” annunciata da Renzi con la vittoria del No? È l’implosione del ‘suo’ Pd

prev
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, i nodi irrisolti dopo la scommessa persa da Renzi: dalle province ai Centri per l’impiego

next