Silvio Berlusconi scende di nuovo in campo. Esattamente come nel ’94 anche se stavolta il “pericolo” che vuole scongiurare non è quello comunista ma dei 5 stelle che “non hanno né arte né parte” e si fanno guidare da “un vecchio comico e da un esperto di comunicazione”. E’ un pieno ritorno in campo quello del leader azzurro che, ospite a Che tempo che fa (Rai1) da Fabio Fazio (leggi), si definisce un candidato “del presente” pensa ancora a sé stesso come possibile candidato premier ma, se la sentenza di Strasburgo non arrivasse o fosse negativa, lancia un nome inedito come frontman per Palazzo Chigi del centrodestra unito: “il generale Leonardo Gallitelli, uno dei migliori vertici del Corpo dei Carabinieri”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Vincent Cassel a ‘Che tempo che fa’: “Il doppiaggio in Italia? Più che un’abitudine è un problema”

next
Articolo Successivo

Molestie, Giuseppe Tornatore a Che tempo che fa: “Ho la coscienza a posto. Il sistema di certa stampa è mostruoso e inaccettabile”

next