Silvio Berlusconi scende di nuovo in campo. Esattamente come nel ’94 anche se stavolta il “pericolo” che vuole scongiurare non è quello comunista ma dei 5 stelle che “non hanno né arte né parte” e si fanno guidare da “un vecchio comico e da un esperto di comunicazione”. E’ un pieno ritorno in campo quello del leader azzurro che, ospite a Che tempo che fa (Rai1) da Fabio Fazio (leggi), si definisce un candidato “del presente” pensa ancora a sé stesso come possibile candidato premier ma, se la sentenza di Strasburgo non arrivasse o fosse negativa, lancia un nome inedito come frontman per Palazzo Chigi del centrodestra unito: “il generale Leonardo Gallitelli, uno dei migliori vertici del Corpo dei Carabinieri”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Vincent Cassel a ‘Che tempo che fa’: “Il doppiaggio in Italia? Più che un’abitudine è un problema”

next
Articolo Successivo

Molestie, Giuseppe Tornatore a Che tempo che fa: “Ho la coscienza a posto. Il sistema di certa stampa è mostruoso e inaccettabile”

next