Per un neo diplomato vestire il camice bianco non è un’impresa facile né in Italia e né nel resto del mondo. Dopo aver superato il test d’ingresso ci sono anni di studio, tanti esami, e poi la specializzazione. Ma se a provarci fosse un’intelligenza artificiale dai grandi occhi neri e con un sorriso sempre pronto? Xiao Yi, questo il nome della macchina ‘made in Chin’, è il primo dispositivo al mondo ad aver superato la prova scritta del Chinas National Medical Licensing Examination. L’equivalente del nostro esame di abilitazione alla professione. E ora lavorerà per aiutare i colleghi ‘umani’ nella diagnosi clinica.

Il robot, che ha vagamente le sembianze umane con uno schermo al posto del torace, ha totalizzato 456 punti, ben sopra la media nazionale. Dietro Xiao Yi – spiega il China Daily – c’è il progetto ambizioso del Tsinghua-iFlyTek della Tsinghua University insieme all’azienda iFlyTek Co. Prima del test il robot, come qualsiasi studente, si è preparato. Ha studiato tanto, tantissimo. Ha assimilato quasi un milione di immagini mediche, letto 53 libri di medicina, analizzato due milioni di cartelle cliniche e 400mila pubblicazioni e referti.

Foto da Youtube

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il registratore più piccolo del mondo? È un batterio modificato geneticamente

prev
Articolo Successivo

Scoperto il futuro “vicino” di casa della Terra: Ross 128 b ha un clima temperato

next