In Giappone la puntualità è importante, soprattutto se si tratta di treni. Così, il 14 novembre, ha fatto scalpore la partenza del treno del treno Tsukaba Express prevista alle ore 9:44:40. Ma il treno, apriti cielo, ha lasciato la stazione alle 9:44:20. Venti secondi prima dell’orario stabilito. Un anticipo che non ci sarebbe dovuto essere e che ha “imbarazzato” la compagnia ferroviaria giapponese che si è “scusata” per l’accaduto, spiegando che è stato un “inconveniente” dovuto al fatto che “l’equipaggio non aveva controllato l’orario di partenza“. La compagnia nipponica ha poi precisato che nessuna persona si è lamentata o ha perso il treno per quei 20 secondi di anticipo.

L’annuncio ha creato stupore sui social ma è la prova che la puntualità dei treni giapponesi non è solo un mito. Lo si deduce anche dagli orari dei treni, che sono indicati specificando anche i secondi esatti in cui il treno arriva o parte, usanza che ha reso i servizi ferroviari del Giappone tra i più affidabili e rigidi al mondo: non sono ammessi ritardi o anticipi, neanche di pochi secondi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Basta sigarette nei film francesi. La proposta (ridicola) che il ministro ha preso sul serio

next
Articolo Successivo

Attentato Barcellona, El Pais: “L’imam che lo organizzò era un informatore degli 007 spagnoli”

next