Roberto Saviano torna a Napoli. L’autore di Gomorra sarà al cinema Modernissimo lunedì 16 ottobre alle 19 per presentare il suo ultimo romanzo, Bacio Feroce (Feltrinelli). È la seconda puntata di un discorso narrativo iniziato con La Paranza dei Bambini. Napoli, la camorra, i baby boss. Napoli che ama e odia Saviano, che si divide intorno al suo racconto. I politici napoletani che guardano con fastidio a uno scrittore che non si adegua agli storytelling del potere locale.

Come è oggi il suo rapporto con Napoli?
A Napoli torno appena posso. Cerco ogni occasione per coinvolgere talenti napoletani nei progetti che ho, perché resto convinto che sia una realtà complessa che rende chi la vive poroso, ricettivo, creativo e particolarmente aperto e incline all’empatia. Con Napoli ho un rapporto di affetto, anzi uso una parola che spendo con prudenza: di amore profondo perché Napoli è terra di universali e più mi allontano più la sento vicina.

Nel 2008 lei cercò un’abitazione al Vomero, ma i proprietari degli appartamenti che le interessavano ebbero paura di fittare a un inquilino così ingombrante: “Se viene lui, addio pace”. Sono passati quasi dieci anni: cercherebbe ancora una casa per vivere a Napoli?
È un sogno. Forse una speranza. Prima o poi voglio tornare ad abitarci.

A Napoli, tra annunci e tempistiche non rispettate, pare imminente la demolizione delle Vele di Scampia, che lei ha raccontato nei suoi precedenti libri: è contento?
Le vele sono un sogno urbanistico collassato nella sua forma peggiore. Io ne recupererei una parte e ci trasferirei gli uffici del comune e renderei quelli luoghi d’arte perché Scampia diventi il centro della città. La sua testa. Abbattere è furbizia, come dire: butto giù per risolvere il problema. Comunicativamente funziona, ma se si abbatte per creare un vuoto allora resta solo propaganda.

La convince la decisione del procuratore capo Melillo di creare due pool di pm anticamorra per il territorio napoletano, uno sui clan di Napoli città e uno sui clan della Provincia?
Il Procuratore è uomo di grande esperienza, che ha fatto parte in passato della Dda di Napoli con importanti risultati. Con i suoi collaboratori ha più di ogni altro il polso della situazione, quindi credo che le sue decisioni ne siano conseguenza diretta. Mi sento di augurargli buon lavoro, perché quella che viene non sarà una fase facile: da più parti sembra si voglia minimizzare l’impatto dei clan sul territorio campano.

Nel pool della Dda impegnato sulla provincia lavorerà Henry John Woodcock, il pm della ‘paranza dei bambini’ del centro storico di Napoli. Woodcock è anche il pm del caso Consip, il pm che ha indagato Alfredo Romeo e intercettato Tiziano Renzi. Il Csm ha aperto su di lui un’istruttoria disciplinare che pare non finire mai. Lei che ne pensa?
Ho sempre pensato che l’indipendenza della magistratura sia un bene primario per la democrazia. Ho conosciuto Henry e il suo lavoro durante la scrittura della Paranza (inchiesta da lui condotta insieme al pm Francesco De Falco) e la decisione della Procura di Roma di chiedere l’archiviazione della sua posizione mi sembra un’ottima notizia. Anche il procedimento disciplinare, dopo quanto sembra aver chiarito il Procuratore Colangelo, mi sembra destinato a un buon esito. La decisione di Melillo va in questa direzione. Spero che da questa stagione lo Stato esca fuori più forte: è un’epoca complessa e le divisioni possono produrre effetti nefasti che oggi neanche arriviamo a immaginare.

Saviano non è simpatico ai leader della politica napoletana. De Luca e de Magistris sono in disaccordo quasi su tutto, tranne che su di lei. Il Governatore non perde occasione per criticarla ed ha affermato che lei si inventa la camorra per non rimanere disoccupato. Il sindaco invece l’accusa di fare ricchezza sulle lotte e le sofferenze del popolo napoletano.
Alla fine li ho messi d’accordo e in questa fase di crisi la sinergia è essenziale. Poi dicono che non faccio niente per Napoli….

Se proprio fosse costretto a scegliere, con chi andrebbe a cena tra De Luca e de Magistris? E di cosa discuterebbe con loro?
La sera mangio poco, quindi passo.