La vita dei personaggi famosi non è fatta solo di elogi e lustrini. Spesso dietro la popolarità si nascondono vicende umane tormentate, problemi personali, errori o addirittura reati. Peter Gomez ci racconta l’altra faccia del successo intervistando chi ce l’ha fatta. E chiedendo una vera e propria confessione.

L’11 e il 18 ottobre alle 23.30 su Nove del digitale terrestre arriva La Confessioneun programma della Loft Produzioni. “Lo dovreste vedere per passare un’ora diversa dal solito. Il tentativo è di fare una televisione che faccia ridere e che faccia pensare. Una televisione che soprattutto faccia le domande che di solito non si fanno”.

Si parte con le confessioni di Emilio Fede e Alex Schwazer mentre il 18 ottobre sarà la volta di Lele Mora e Vittoria SchisanoLive streaming, episodi completi e clip extra su Dplay.com

A fine ottobre sarà online l’applicazione Loft per la distribuzione in abbonamento di format e contenuti esclusivi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Confessione, il lato oscuro del successo attraverso quattro interviste di Peter Gomez

next
Articolo Successivo

La Confessione, Fede su Dell’Utri: “In galera perché troppo onesto”

next