Anche le illusioni ottiche possono dare una mano alla sicurezza stradale. Come nel caso della cittadina islandese di Ísafjördur, dove la ditta specializzata in segnaletica stradale Vegamàlun ha realizzato delle strisce pedonali tridimensionali per l’attraversamento in una delle vie centrali. A cosa servono? Beh, come spiegano gli specialisti islandesi a rallentare il traffico: guardando questa sorta di “street painting”, gli automobilisti hanno la sensazione che qualcosa stia bloccando la strada e d’istinto diminuiscono la velocità garantendo un attraversamento più sicuro ai pedoni. Un’idea non nuova in realtà, perché pare sia stata adottata come soluzione già su alcune strade di Nuova Delhi, in India. Di certo anni luce più trafficate di quelle islandesi. La proposta di dipingere le strisce 3D è stata presentata a inizio settembre: dopo solo due settimane è arrivato il si dell’autorità per i trasporti locale e sono state realizzate. Proprio come da noi…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, è record di velocità al Nurburgring – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Volvo Studio, un salotto svedese tra i grattacieli di Milano

next