Altro autogol della Ferrari, che ora rischia di dire definitivamente addio alle ambizioni di Mondiale. Sebastien Vettel non è riuscito a scendere in pista per partecipare alle qualifiche del Gran premio di Malesia. Sarà quindi costretto a partire dall’ultima posizione della griglia di partenza. Esattamente dalla parte opposta dello schieramento ci sarà invece Lewis Hamilton: il pilota inglese ha conquistato la pole numero 70 in carriera.

Il tedesco della Ferrari è rimasto vittima di un problema al turbo dopo che gli era stata sostituita la power unit alla fine delle prove libere. I meccanici hanno provato a sistemare il danno prima della fine della prima sessione di qualifiche, ma alla fine hanno deciso di lasciare Vettel ai box. Un imprevisto che rischia di compromettere definitivamente la corsa al Mondiale del ferrarista, perché nel frattempo il leader della classifica è andato a conquistare la nona pole position stagionale sulla sua Mercedes.

Hamilton è riuscito a stare davanti a Kimi Raikkonen per soli 45 millesimi. Dietro di lui le due Red Bull di Verstappen e Ricciardo, solo quinto invece Valtteri Bottas con l’altra Mercedes. Domani, domenica 1 ottobre, la gara partirà alle ore 9 italiane (in diretta su Sky, replica sulla Rai alle ore 14). Alla Ferrari e a Vettel servirà un miracolo per riuscire almeno a chiudere la gara a ridosso del podio, sperando in un Raikkonen in palla per provare ad arginare la corsa di Hamilton verso una vittoria che altrimenti pare scontata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F1, gp Singapore: crash Ferrari, di chi è la colpa?

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gp Malesia: vince Verstappen. Grande rimonta di Vettel: finisce quarto

next