Il team sponsorizzato da Samsung ha una doppia origine: da una parte il Fight For Glory, il torneo/talent organizzato da produttore coreano in primavera, dall’altra i TeS Aristocats, passati al team Samsung in seguito al matrimonio tra la loro ex organizzazione, i TeS, e i Next Gaming. I MorningStars arrivano alla Milan Games Week in virtù della qualificazione ottenuta a maggio con il 2° posto finale degli ex Aristocats al torneo OPC. Abbiamo posto alcune domande a Martino Mombrini di Samsung Italia, responsabile per il progetto MorningStars.

In seguito al Fight For Glory era stato già formato un primo team di sei componenti, cosa vi ha fatto optare successivamente per l’inglobamento degli Aristocats?
La scelta di offrire agli Aristocats di entrare nei Morning Stars è stata dettata dal fatto che i Rewind, usciti vincitori dal talent Fight for Glory, hanno preferito non dare seguito al progetto per motivi personali. Abbiamo pertanto deciso di dare una possibilità ai ragazzi degli Aristocats, che oltre a essere estremamente motivati, avevano già dato dimostrazione di essere dei professionisti nel mondo degli eSport.

Com’è composto attualmente il vostro staff a supporto dei giocatori?
Il team è seguito quotidianamente da un Team Manager, Davide “Crirawin” Scavo, da un Coach, Edoardo “edOzz” Pahle, e da un esperto di Marketing e Social Media.

Avete delle strutture vostre per gli allenamenti?
Non abbiamo una struttura di proprietà, tuttavia organizziamo bootcamp mensili che permettono ai ragazzi di incontrarsi, allenarsi e passare del tempo insieme, oltre a quello che condividono online ogni giorno.

Qual è l’avversario (team o giocatore) che temete di più tra quelli che il prossimo weekend affronterete nella PG Arena?
Tra i finalisti della OPC ci sono i team più forti nel panorama italiano di Overwatch, sicuramente assisteremo a delle sfide appassionanti e ciascuna delle squadre potrebbe essere un potenziale vincitore: per questo non mi sento di individuare un team o un giocatore in particolare. Come Morning Stars rispettiamo tutti i nostri avversari, ma non temiamo nessuno di loro.

Quali sono i prossimi obiettivi del vostro team?
L’obiettivo principale dei Morning Stars è essere il riferimento per quanto riguarda il mondo degli eSport in Italia, sia dal punto di vista dei risultati che da quello dello spirito di team, dell’amicizia tra player e della passione per questa disciplina sportiva. I Morning Stars hanno l’obiettivo di far appassionare al mondo degli eSport sempre più ragazzi e di dar loro la speranza di poter un giorno sfondare.

Il Team


  • Nickname: Adnar
  • Ruolo: Support
  • Nome e Cognome: Federico Arena
  • Età: 24
  • Città: Roma
  • Esperienza eSport: co-Hop, Element Heroes, FFG
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: crYstalgecKo
  • Ruolo: Offtank/Flex
  • Nome e Cognome: Nicholas Pietrosanti
  • Età: 23
  • Città: Roma
  • Esperienza eSport: Competitivo di CoD MW2, Aristocats e TeS eSport
  • Occupazione: Studente universitario

  • Nickname: thebigone
  • Ruolo: DPS
  • Nome e Cognome: Federico Fantozzi
  • Età: 21
  • Città: Rieti
  • Esperienza eSport: Overwatch ,EIC summer 2017
  • Occupazione: studente

  • Nickname: Ares
  • Ruolo: Dps
  • Nome e Cognome: Francesco Papa
  • Età: 19
  • Città: Roma
  • Esperienza eSport: Ex-semiprofessionista su Starcraft 2
  • Occupazione: Imprenditore agricolo

  • Nickname: Najiny
  • Ruolo: DPS
  • Nome e Cognome: Mirko Seveso
  • Età: 17
  • Città: Seveso
  • Esperienza eSport: Semiprofessionista su s4league
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: aQualtis
  • Ruolo: Flex support – Capitano
  • Nome e Cognome: Andrea Sala
  • Età: 26
  • Città: Sedriano (MI)
  • Esperienza eSport: nato su League of legends ho raggiunto il peak rank di Master e ho giocato per il team inferno , heroes of the storm (rank 1) giocato per il team inferno, overwatch a livello competitivo giocato per team NextGaming, TeS e attuale Samsung Morning Stars. Su League of legends non ho raggiunto alcun traguardo, su Heroes of the Storm secondo posto esl cup Italia, su overwatch due terzi posti e due secondi posti.
  • Occupazione: Impiegato

  • Nickname: DragonEddy
  • Ruolo: Offtank/Flex
  • Nome e Cognome: Edmondo Cerini
  • Età: 18
  • Città: Busto Arsizio (VA)
  • Esperienza eSport: Semi-Professionista su BFH
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: Frankwood
  • Ruolo: Support shotcaller
  • Nome e Cognome: Francesco Rappa
  • Età: 26
  • Città: Torino (domicilio) Ragalna (residenza)
  • Esperienza eSport: Giocato con Nextgaming e TES Aristocats
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: LUFT
  • Ruolo: Tank
  • Nome e Cognome: Aris Galli
  • Età: 19
  • Città: Ticino (Svizzera)
  • Esperienza eSport: Solo su Overwatch da 1 anno
  • Occupazione: ex Telematico, ora full time gamer

  • Nickname: Seretur
  • Ruolo: Dps offtank
  • Nome e cognome: Federico Spinicci
  • Età: 28
  • Città: Milano
  • Esperienze Esport: Campione italiano super smash bros melee
  • Occupazione: Disoccupato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cybersecurity, gli esperti al convegno: “Attacchi informatici? Sono pericolosi come quelli militari”

next
Articolo Successivo

Smart Work, perché lavorare da remoto è più utile e innovativo

next