I Next Gaming sono una realtà storica nel panorama italiano, il loro team di Overwatch ha agguantato la qualificazione alla finalissima della Milan Games Week ottenendo l’ultimo slot disponibile alla OPC Summer Cup #2, battendo in finale il team POWNED.NaCl. Per conoscerli meglio abbiamo fatto alcune domande a Giuseppe Morici, loro team manager.

Da quanto tempo avete lanciato il team di Overwatch?
L’attuale “core” del team di overwatch è un progetto nato quasi un anno fa. Dopo la conclusione dell’ultima Serie A italiana, a giugno abbiamo cambiato tre elementi cominciando una sorta di ricostruzione per cercare di puntare un po’ più in alto.

In vista della Milan Games Week continuerete con la medesima formazione della Summer Cup, o pensate a nuovi innesti?
Avremo uno sostituzione , Wonder (Lucio, ndr) per motivi personali e lavorativi non poteva più garantire continuità e quindi presenza al MGW. Circa un mese fa abbiamo cominciato dei tryout, conclusi con l’ingaggio di Ruby: un ottimo support di nazionalità svedese.

Pensi che l’arrivo di giocatori stranieri nei team che militano nei tornei italiani possa aiutare la crescita del nostro paese?
Parlo per esperienza, i quattro italiani che abbiamo in team hanno una conoscenza del gioco molto ampia e sono preparati sotto ogni punto di vista. Da quando però abbiamo creato l’ultima lineup con due stranieri, il confrontarsi con scuole di pensiero differenti li ha aiutati a crescere ancora di più. Quindi la mia risposta è assolutamente si, ma con dei giusti limiti.

C’è un team o giocatore avversario che temete più degli altri?
Penso sia giusto rispettare tutti gli avversari, ma non riesco a farti un nome. Posso dirti che, forse per la prima volta in Italia, avremo un torneo molto equilibrato, dove fare un pronostico è davvero difficile: la qualità dei giocatori in campo è così alta che almeno 15 giocatori possono ambire al MVP del torneo. Tutti dovranno “temere” tutti.

Come state affrontando la preparazione al torneo?
Abbiamo un piano di allenamento, sviluppato da ShrP: comporta determinati orari/giorni di allenamenti contro altri team di alto livello europei, visione di partite giocate nei migliori tornei internazionali, e ultimo, ma non per importanza, revisione dei video delle nostre partite di allenamento per analizzarle e capire i problemi e trovare soluzioni tutti assieme. O nuove tattiche.

La vostra organizzazione è una delle più titolate in Italia per quanto riguarda gli eSport, sentite il “peso della responsabilità” o ciò pensi possa darvi una marcia in più?
Abbiamo partecipato a svariati tornei ed eventi offline ed online soprattutto in altri titoli: LoL, Battlefield (ad esempio io come player provengo da questo mondo), CoD, Fifa. In tutti questi titoli e in altri che sicuramente dimentico, abbiamo vinto svariati eventi e tornei. Su overwatch non abbiamo ancora creato una storia vincente, quindi non arriveremo di certo con il favore dei pronostici. Forse, visto che abbiamo alcuni giocatori non troppo esperti di eventi live, è meglio per noi non essere troppo carichi di responsabilità

Dopo la MGW, quali sono i vostri prossimi obiettivi?
Sicuramente la prossima Serie A italiana, e qualsiasi altro evento nazionale e non a cui ci sentiremo in grado di partecipare, soprattutto in base al piano di crescita che valuteremo con ShrP e i suoi ragazzi.

Il Team


  • Nickname: MrGertex
  • Ruolo: Off-Tank
  • Nome e Cognome: Philip Vommaro
  • Età: 18
  • Città: Asti
  • Esperienza eSport: Iniziato con CounterStrike 1.6, è poi passato ad overwatch
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: Skillyjoe
  • Ruolo: Main Tank
  • Nome e Cognome: Martin Stoller
  • Età: 23
  • Città:
  • Esperienza eSport: 5 anni di esperienza competitiva su vari FPS
  • Occupazione:

  • Nickname: ShRP
  • Ruolo: Flex/Support
  • Nome e Cognome: Denis Fratantonio
  • Età: 22
  • Città: Bolzano
  • Esperienza eSport: Dopo esperienze su vari titoli multiplayer ha iniziato a competere su Overwatch fin dalla beta
  • Occupazione: Impiegato

  • Nickname: Petwire
  • Ruolo: DPS Projectile
  • Nome e Cognome: Eros Mazzara
  • Età: 23
  • Città: Siracusa
  • Esperienza eSport: Dopo più di 3000 ore su CS:GO, dove ha raggiunto il rank di global elitè, è passato su Overwatch puntando a sviluppare una carriera nel competitivo
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: Pirez
  • Ruolo: Hitscan DPS
  • Nome e Cognome: Pierangelo Loi
  • Età: 19
  • Città: Tempio Pausania
  • Esperienza eSport: 4 anni di competitivo su Team Fortress 2, arrivando alla premiership division, ha poi deciso di spostarsi sul titolo Blizzard
  • Occupazione: Studente

  • Nickname: Ruby
  • Ruolo: Support/Healer
  • Nome e Cognome: Alexander Arvsell
  • Età: 21
  • Città: Gothenburg (Svezia)
  • Esperienza eSport: Dopo 4-5 anni su CS:GO, dota2 e alcune esperienze su TF2, è passato su Overwatch scegliendo di specializzarsi come healer
  • Occupazione:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cybersecurity, gli esperti al convegno: “Attacchi informatici? Sono pericolosi come quelli militari”

next
Articolo Successivo

Smart Work, perché lavorare da remoto è più utile e innovativo

next