Abbiamo conosciuto il Team Forge per la loro squadra di League of Legends in occasione delle finali di Lega Prima. Da alcuni mesi l’organizzazione cagliaritana ha deciso di espandersi su nuovi titoli iniziando con lo shooter di Blizzard, mostrandosi fin da subito in grado di fornire ottime prestazioni, piazzandosi sempre tra le prime quattro negli ultimi tre tornei del circuito OPC, e staccando il biglietto per la MGW grazie al secondo posto ottenuto alla OPC Summer Cup (vinta dagli EPOK). Abbiamo fatto alcune domande al team manager Alessandro “Sekuar” Sesani su questa loro nuova avventura.

Cosa vi ha spinti a preferire di lavorare con un team di Overwatch rispetto ad altri titoli?
Overwatch è probabilmente il titolo dell’anno, lo è sicuramente se escludiamo quelli che ancora non hanno una scena competitiva definita. Ha delle caratteristiche che lo rendono unico e che lo hanno reso interessante ai nostri occhi.

Avete di recente annunciato l’arrivo di alcuni nuovi innesti per la vostra formazione, tra cui il nazionale spagnolo Ivo “Linepro” Kolev, state incontrando particolari difficoltà ad integrare giocatori stranieri nel team italiano?
Nessuna difficoltà, ci siamo abituati noi dello staff e si sono abituati anche i giocatori, alcuni dei quali hanno avuto esperienze internazionali. Dalla data di fondazione abbiamo avuto modo di ospitare player e staff provenienti da svariate nazioni e continenti, tutti quanti ci hanno fatto crescere facendoci comprendere la loro cultura e il loro modo di intendere l’eSport. Definirei queste interazioni più come un vantaggio che come una difficoltà.

Alla Milan Games Week, qual è il team o giocatore avversario che temete più degli altri?
Pensiamo a noi stessi, questo gruppo lavora insieme con buona intensità da circa due settimane, non abbiamo avuto il tempo di preoccuparci degli avversari. Affronteremo team di ottimo livello e il nostro scopo è quello di essere all’altezza della situazione e delle aspettative.

Come state affrontando la preparazione in vista del torneo?
Tutto il team ha raggiunto le nostre strutture di Cagliari e, in parallelo al team di League of Legends, sta lavorando duramente giorno dopo giorno per presentarsi alla competizione nelle migliori condizioni possibili.

Quali sono i prossimi obiettivi del team di OW?
In tutta onestà è difficile da dirsi. La scena competitiva sta affrontando dei cambiamenti significativi e prima di definire un obiettivo sarà necessario comprende quali siano le opzioni a nostra disposizione.

Il Team


    • Nickname:Sins
    • Ruolo: Flex
    • Nome e Cognome: Eros Rodriguez


    • Nickname: Tia
    • Ruolo: Support
    • Nome e Cognome: Mattia Costanzo


    • Nickname: Smile
    • Ruolo: DPS
    • Nome e Cognome: Giordano Lucci


    • Nickname: Hinu
    • Ruolo: DPS
    • Nome e Cognome: Jonathan Ozan
    • Età: 23


    • Nickname: Midna
    • Ruolo: Tank
    • Nome e Cognome: Lorenzo Midna
    • Età: 18


    • Nickname: Linepro
    • Ruolo: Support
    • Nome e Cognome: Ivo Kolev


 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cybersecurity, gli esperti al convegno: “Attacchi informatici? Sono pericolosi come quelli militari”

next
Articolo Successivo

Smart Work, perché lavorare da remoto è più utile e innovativo

next