Di Maio candidato del M5S alla presidenza del Consiglio? Era abbastanza prevedibile per diverse ragioni: era la più alta carica istituzionale che il M5S ha avuto in questa legislatura, è abituato a guidare le istituzioni, si è fatto un’esperienza e studia da candidato premier da un bel po’ di tempo”. Così a Dimartedì (La7) il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, commenta la nomina di Di Maio a candidato M5S presidente del Consiglio. “In più quelli che avrebbero potuto insidiare la leadership di Di Maio non si sono candidati alle primarie” – continua Travaglio – “quindi lo hanno lasciato praticamente da solo. I 5 Stelle, tuttavia, sono specializzati nel farsi male da soli e quindi si sono imprigionati in regole troppo strette e troppo vincolanti che andavano bene all’inizio e che adesso dovrebbero essere più flessibili. Se hai un solo candidato di grido, non c’è motivo per fare delle primarie. Questo dovrebbero scriverlo bene nel loro statuto. E invece sono andati alla ricerca di qualche foglia di fico, con la “effe” maiuscola o minuscola, senza trovarla. Alla fine hanno fatto una figuraccia“. E puntualizza: “Si sa, comunque, che le primarie, quando i partiti le fanno, si sa già chi vince. Non è che è accaduto solo per Di Maio. Basti pensare alle primarie in cui vinsero Bersani, Prodi e Renzi. Quando la Lega ha fatto le primarie, abbiamo visto Salvini contro un certo Fava, di cui non si era mai sentito il nome fino a quel momento”. Il direttore del Fatto poi sottolinea: “Renzi è stato votato da 2 milioni di persone, perché, al contrario di quanto avvenuto per il M5S, le primarie Pd sono estese anche ai non iscritti. Il sistema del M5S è sicuramente complicato e farraginoso. In questo caso molti iscritti alla fine non hanno votato, anche perché sapevano già quale sarebbe stato il risultato finale. Quando invece fecero le Quirinarie, lì la competizione c’era e votò il doppio degli iscritti. Nel caso delle primarie Pd” – chiosa – “si rischiano inquinamenti, perché, se ad esempio c’è qualche interesse da parte di Forza Italia nel sostenere Renzi anziché Bersani, a quel punto suoi esponenti possono andare a votare e squilibrare i rapporti interni di forze. E questo è un problema. Le primarie andrebbero normate per legge e dovrebbero essere uguali per tutti i partiti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cosa ci fa Giletti al posto di Mentana? Fa arrabbiare il direttore: “Non si gioca con il tg”

prev
Articolo Successivo

Renzi, Travaglio: “Dice le stesse cose di due anni fa. E’ come se lo avessero ibernato e poi scongelato”

next