Nelle scuole per l’infanzia le vaccinazioni sono obbligatorie fin dall’anno scolastico in corso. E’ il parere del Consiglio di Stato, in risposta a un quesito del presidente della Regione Veneto sull’interpretazione della normativa vigente in materia di obbligo vaccinale (decreto-legge n. 73/2017). “In particolare, nel parere – si legge in una nota del Consiglio di Stato – si è chiarito che, già a decorrere dall’anno scolastico in corso, trova applicazione la regola secondo cui, per accedere ai servizi educativi per l’infanzia e alle scuole dell’infanzia, occorre presentare la documentazione che provi l’avvenuta vaccinazione”.

“Il parere al Consiglio di Stato sulle modalità di applicazione della legge nazionale sui vaccini lo avevamo chiesto noi – ha commentato governatore veneto Luca Zaia – quindi ne rispettiamo totalmente le conclusioni. Ci riserviamo peraltro di leggerne integralmente i contenuti, aldilà delle anticipazioni avute tramite le Agenzie”. “Resta in piedi – aggiunge il presidente della Regione – il nostro ricorso alla Corte Costituzionale, che è anche stato aggiornato sulla base della conversione nella legge 119 del Decreto Lorenzin sull’obbligatorietà dei vaccini, la cui discussione è stata proprio oggi fissata dalla Consulta per il 21 novembre 2017 in udienza pubblica”.

Anche Beatrice Lorenzin ha commentato il parere di Palazzo Spada: “Oggi abbiamo avuto due notizie – ha detto il ministro – una drammatica, abbiamo il quarto decesso a causa del morbillo, si tratta di un 41enne immunodepresso a Catania che non era stato vaccinato, alla quale si collega una positiva. Il Consiglio di stato ha ratificato la correttezza della legge sui vaccini. È incredibile che siamo ancora qui a commentare questo tipo di notizie. Questi virus sono pericolosi, lo scopo mio e del governo è proteggere i cittadini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Sicilia, M5s le aveva ricomprato la casa finita all’asta: lei si candida con Forza Italia

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, Impastato contro Fava: “Lista 100 Passi? Operazione strumentale”. “È dei siciliani onesti”

next