Ha rischiato il linciaggio il 17enne reo confesso dell’omicidio della sedicenne Noemi Durini quando è uscito dalla sede della stazione carabinieri di Specchia, in provincia di Lecce, dove è stato ascoltato per molte ore alla presenza del proprio difensore e del procuratore capo del tribunale dei minori Maria Cristina Rizzo. All’uscita il giovane si è reso protagonista di atteggiamentidi sfida alzando la mano destra in segno di saluto alla gente che gli fischiava contro e lo insultava urlando. Il ragazzo è stato protetto da un cordone dei carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Casapound vs Casapound: militante ne picchia un altro per errore

next
Articolo Successivo

Firenze, segrega la figlia per quattro anni e la vende come sposa per 15mila euro

next