Confronto concitato a Dimartedì (La7) tra il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, e la consigliera regionale Pd del Veneto, Alessandra Moretti. Il casus belli è la riforma delle intercettazioni: Travaglio fa notare la diversa posizione del centrosinistra sul ddl di Berlusconi nel 2010. Moretti menziona l’inchiesta Tempa Rossa e il caso dell’ex ministra dello Sviluppo Economico, Federica Guidi: “Lei ha subito una gogna mediatica a causa di intercettazioni che non c’entravano nulla”. “Veramente l’avete fatta dimettere voi” – replica Travaglio – “perché evidentemente avevate letto bene quelle intercettazioni”. Moretti ribatte: “Sì, perché a proposito di questione morale, noi siamo persone che tengono all’opinione pubblica”. “E, da vittime della gogna, vi siete fidati della gogna?”, chiede sarcasticamente il direttore del Fatto. “Quando un ministro viene messo in quelle condizioni” – continua l’ex parlamentare Pd – “è difficile resistere con una gogna e con un attacco mediatico di quelle proporzioni, che spesso il suo giornale è protagonista e complice nel portare avanti”. “Temo che Alessandra Moretti abbia clamorosamente sbagliato esempio” – commenta Travaglio – “La Guidi non è stata nemmeno indagata, quindi non è stata neanche assolta”. “E’ stata linciata mediaticamente”, interrompe Moretti. “La Guidi è stata intercettata al telefono col suo compagno, che è un noto lobbista delle compagnie petrolifere” – ricorda il giornalista – “E lui la pressava affinché inserisse nella manovra finanziaria un emendamento a favore dei petrolieri. A me non interessa se quello è reato o non è reato. Quella conversazione c’è stata? Sì. Può il ministro dello Sviluppo Economico fare gli interessi del suo compagno lobbysta petrolifero? No”. E chiosa, tra gli applausi in studio: “Quindi, avete fatto bene a cacciarla. Quindi, abbiamo fatto bene a pubblicare quella conversazione telefonica”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gnocchi presenta la Fornero: “La Cuccarini della politica, la più amata dagli esodati. Per sfuggirgli si traveste da Camusso”

prev
Articolo Successivo

Mentana: “Haters sui social? Agli avvelenatori di pozzi e a chi scrive fesserie bisogna rispondere a tono”

next