Marcia di Forza Nuova a Roma? Sono assolutamente d’accordo con Virginia Raggi. Non preoccupiamoci, non facciamo questa manifestazione di pagliacci e andiamo avanti ad affrontare i problemi reali del Paese”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di 24 Mattino (Radio24) dal deputato M5S, Danilo Toninelli, sulla marcia commemorativa del fascismo annunciata da Forza Nuova per il prossimo 28 ottobre, la stessa data della “marcia su Roma” con cui il Partito nazionale fascista di Benito Mussolini prese il potere nel 1922. A riguardo, la sindaca della Capitale, decisa con il Viminale a impedire la manifestazione, ha twittato: “La marcia su Roma non può e non deve ripetersi”. E aggiunge: “Non c’è da aver paura. E’ vero che esiste il rischio di derive estremiste in molti Paesi europei, soprattutto dell’est, ma è altrettanto vero che quegli stessi Paesi non hanno una forza politica come il M5S, costituita da cittadini che sono entrati nelle istituzioni. Una forza politica che ha totalmente messo a freno queste derive“. Alla domanda del conduttore, Luca Telese, sul tragico caso della bimba morta per malaria e sulle conseguenti polemiche politiche, il parlamentare pentastellato risponde con un j’accuse al ministro Lorenzin: “Penso che bisogna approfondire la materia e non creare allarmismi, già purtroppo provocati dall’ignoranza e dall’incapacità di visione politica mostrate in particolare dal ministro della Salute. Io sono un genitore e ho il privilegio di leggere le leggi prima che vengano approvate. Ma capisco che i milioni di genitori italiani oggi siano in una situazione di disagio totale, perché, approssimandosi l’iscrizione dei loro figli a scuola, non sanno che cavolo devono fare. Ma che democrazia è questa?”. E chiosa: “In una democrazia sana il decisore politico accompagna i cittadini nella formazione di una decisione. Noi non siamo dalla parte della Lega e della Regione Veneto, però qui siamo proprio al ridicolo della politica”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicilia, dopo la condanna torna Francantonio Genovese: candida il figlio Luigi alle regionali con Forza Italia

prev
Articolo Successivo

Vaffa Day 10 anni dopo, perché Grillo riempì le piazze?

next