L’informativa con cui ieri il ministro degli Esteri ha motivato alle Commissioni Esteri di Camera e Senato la decisione del 14 agosto di rimandare l’ambasciatore italiano al Cairo, ha confermato quanto il tema dei diritti umani abbia un peso variabile nelle relazioni bilaterali: sacrificabili i primi in nome della stabilità delle seconde.

Non sono tra coloro che ripetono, come un mantra, che “il ritorno dell’ambasciatore favorirà la ricerca della verità” sulla sparizione, la tortura e l’assassinio di Giulio Regeni (ma non era stato richiamato per lo stesso motivo?). La stampa egiziana ha accolto quella decisione con entusiasmo, sottolineando la resa italiana: “Ciò che Giulio Regeni aveva impedito, la Libia ha consentito”; “Ha prevalso la logica della politica sull’etica e sulle emozioni”, per citare un paio di commenti.

La conclusione dell’intervento del ministro Alfano ha dato una sensazione di abdicazione, di un progressivo tentativo di sostituire la verità con la memoria: con le targhe, con le commemorazioni, con le dediche, con le intitolazioni. Consegnare alla storia Giulio Regeni senza conoscere i nomi e i volti dei responsabili della sua morte e però almeno ricordarlo bene.

La proposta di dedicare a Giulio Regeni istituti e sedi scientifiche e culturali al Cairo, oltre che essere infelice (ci sarebbe anche il presidente al-Sisi alle inaugurazioni e allo svelamento delle targhe?) va proprio in quella direzione.

Invece, molto altro andrebbe ancora fatto dal governo italiano in favore della verità. Ad esempio, portare sul piano internazionale il tema delle violazioni dei diritti umani in Egitto attraverso tutti gli strumenti previsti dalle Nazioni Unite: risoluzioni della Commissione dei diritti umani, sollecitazione di indagini dei relatori speciali sulla tortura e sulle sparizioni forzate, contenzioso giudiziario come previsto dalla Convenzione contro la tortura….

Cose che l’Italia avrebbe potuto fare già da tempo, evitando che il richiamo dell’ambasciatore restasse l’unico strumento di pressione e – rinunciato a quello – non ve ne fossero più altri.

In ogni caso, per la memoria c’è tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dj Fabo, Cappato vuole il rito immediato: “Così in Italia si potrà discutere di come aiutare i malati a essere liberi”

next
Articolo Successivo

Migranti, Gino Strada contro “lo sbirro” Minniti: “Dichiara guerra ai poveracci pagando qualche capobanda in Libia”

next