La doppietta Mercedes a Monza e la sensazione di impotenza delle due Ferrari hanno provocato una reazione non in stile british da parte del presidente della Rossa Sergio Marchionne. Che, commentando ai microfoni Rai la gara sul circuito brianzolo, non ha usato mezze misure per descrivere lo spettacolo a cui ha assistito: “Oggi è stato quasi imbarazzante vedere la differenza tra Mercedes e Ferrari – ha detto il manager italo-canadese – Abbiamo sofferto, la Mercedes è stata superiore, non si poteva fare assolutamente nulla”. Il disappunto di Marchionne, poi, è stato confermato dalla successiva dichiarazione, ancora più netta a livello dialettico: “L’obiettivo non cambia per il mondiale piloti e costruttori. Questa non è la Ferrari, bisogna raddoppiare l’impegno – ha detto – Dobbiamo togliere il sorriso dalla faccia di questi, mi stanno girando un pò le balle”. Marchionne, che ha seguito la gara dal box Ferrari insieme al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha svelato poi di avere “invitato il premier per l’anno prossimo, magari sentiremo l’inno italiano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F1, Gp di Monza – Hamilton, un dominio. Secondo Bottas, Vettel solo terzo – la classifica

prev
Articolo Successivo

F1, Gp di Monza: la Ferrari scarica le ali (e l’entusiasmo dei suoi tifosi)

next