5. “Ma un uomo o una donna avranno il diritto di fare quello che vogliono in camera da letto (nel caso delle donne), o nel bagno (nel caso degli uomini) con i propri genitali? Essu’, fatevi una manciata di fatti vostri, sempre a sentenziare di cose che NON VI RIGUARDANO. ”

Certo signora, anche se questa differenza tra parentesi mica la capisco.

6. “Sarebbe meglio che voi ne discuteste senza coinvolgere nella televisione chi non ha voglia di vedere queste cose! Rispettare la gente no?”

Forse la signora è passiva e copula sempre nella posizione del missionario genere Veronica Pivetti in Viaggi di nozze. A meno che la televisione non vada a pedali o a carbone, basta prendere il telecomando, cambiare canale o andare ad impastare i biscotti.

7. “Scusate, ma a me me piace la ciccia…se gli uomini si possono permettere di pagare una donna, mi sembra giusto ed equo anche per le donne pagare un uomo…i toys proponeteli alle vostre parenti”

Mi ci è voluto un po’ per trovare un nesso a questo commento femminile e alla fine ho capito che la signora voleva solo qualche like e magari un po’ di ciccia maschile in più. Le consiglio di leggere il basico e ilare 50 sfumature di grigio che è l’abc per chi è confuso e almeno imparerà che le palline vaginali non sono biglie con cui giocare ai pranzi domenicali col parentado.

8. “Non ho mai capito il piacere della masturbazione, i preliminari chi li fa e l’amore dove è?????? Per questo non nascono bambini. Sì, questo serve per le persone malate ma non per le persone sane. E’ stato su Rai 3 il film con l’invenzione del sex toys, il film molto interessante, è stato inventato in Inghilterra. Quando ho letto il titolo del film, non lo ricordo bene Il Masturbatore , (credo ) non l’ho volevo guardare , poi mi ha incuriosito e l’ho guardato e non mi è dispiaciuto di averlo guardato. Erano quei tempi che Rai 3 dava tanti film buoni e interessanti,e delicati . adesso fanno delle volgare pubblicità”.

Il film è Hysteria ed è soprattutto una storia d’amore in cui il racconto dell’invenzione del vibratore è un pretesto garbato e ironico. Se per la signora la masturbazione è una malattia, andiamo a toccare un tasto molto delicato che non è la cecità e nemmeno il clitoride. Citofonare prof. Andreoli.

9. Non mi scandalizzo, ormai se ne vedono di cotte e di crude. Mi fa invece pensare che anche giovani 20/30 anni debbano ricorrere e questi oggetti per stimolare o faidate. Ma una sana sc***ta non la sanno più fare? Ma viva gli antichi romani che allora non avevano freni inibitori, vivevano di sesso e se la godevano beatamente. Poi la Chiesa….. Sto sudando freddo. Perché condannare le giovani se hanno una maggiore consapevolezza del proprio corpo ed amano sperimentare? Oltretutto, oggi i rapporti sentimentali sono molto più difficili rispetto alla mia generazione, oppure c’è chi è innamorato ma lontano, chi ha piacere di esplorare la propria femminilità”.

Quindi perché avere freni inibitori? Inoltre nell’antica Roma e nell’antica Grecia godevano beatamente anche con l’ausilio del dildo. Se vuole approfondire ho scritto un pamphlet a tal proposito, Elogio del dildo.

11. “Ma…se facessero uno spot dove vendono oggetti per il piacere sessuale maschile, con ‘patatine’ in plastica etc secondo voi non si scatenerebbe un putiferio???”

Ebbene sì. Di questo passo, succederà nel 3047.

12. “Sono imbarazzata, potrebbero evitare una simile pubblicità,tanto chi lo vuole sa come comperarlo su Internet,io sono alla antica, per me il sesso deve appartenere alla sfera intima”.

Concordo con la signora sull’ultima frase. La pubblicità è l’anima del commercio e questo spot, come detto all’inizio, è fatto con garbo. Ovviamente è indirizzato a chi vuole essere guidato all’acquisto. C’è tanta cialtroneria su internet, sa?

13. “La donna in questa epoca è caduta veramente in basso”

Pensi a com’era nell’epoca di sua nonna e poi ne riparliamo.

Care amiche e amici, lo scrittore Blaise Cendrars amava la pubblicità: E’ il fior fiore della poesia contemporanea.

Prendete la sessualità giocosa come arte poetica e sarete più amorevoli e sorridenti.

W i sex toys e tutto ciò che sensibilizza il benessere interiore ed esteriore.

Saluti e baci vibranti,

Bettina

Novità sul mio sito http://www.sensualcoach.it/

INDIETRO

Sex toys, cosa dire quando si parla di sesso e oggetti del piacere

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesso, vuoi far provare piacere a una donna? Non imparare da film e siti porno. Ecco i consigli della scrittrice Gail Dines

next
Articolo Successivo

Brazzers regala abbonamenti agli studenti: “Il porno riduce lo stress”. Lo psicologo: “Sarebbe vero col sesso, ma con i film hard…”

next