Le persone con disabilità che si trovano a Ischia, colpita dal terremoto la sera del 21 agosto che ha provocato la morte di due donne e 42 feriti, possono usufruire delle strutture di assistenza dell’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare (Uildm). A comunicarlo è Marco Rasconi, il presidente dell’associazione nazionale di riferimento per uomini e donne con malattie neuromuscolari. “Siamo vicini alla popolazione di Ischia e alle famiglie delle vittime del sisma – ha spiegato Rasconi – e viviamo questo dolore come un lutto personale, perché conoscevamo Lina Balestrieri, una delle due persone decedute, come donna generosa e da sempre molto vicina alla nostra associazione, avendo anche adottato un bambino con grave disabilità”.

La Uildm esprime “totale solidarietà e vicinanza alla famiglia di Lina” e “offre un aiuto incondizionato” ai disabili residenti e in vacanza sull’isola campana attraverso la sezione locale G. Nigro di Arzano (Napoli) che ha una sede distaccata a Ischia e Procida. “Siamo pronti a offrire le nostre conoscenze specifiche” per tutte le persone con disabilità fisica, in particolare per quelle con distrofia muscolare, atrofia muscolare spinale, sclerosi laterale amiotrofica. “Mettiamo a disposizione i nostri furgoni accessibili, i nostri volontari e le strutture di cura che sono presenti sul territorio napoletano”.

Per contattare la sezione di Arzano è possibile telefonare al numero 081/7313628 o 334/1087619 e chiedere del Presidente legale rappresentante Salvatore Leonardo. Se si desidera chiamare direttamente la sede distaccata di Ischia e Procida “Angela Brischetto” – via Vincenzo Gemito 28, Ischia chiamare al 333/9235758 e fare riferimento del referente Raffaele Brischetto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Unioni gay, il sì della Chiesa valdese. Quel coraggio che manca ai cattolici

prev
Articolo Successivo

Transessuali, in Friuli i dipendenti della Regione potranno usare un’identità alias

next