In Cile la Corte costituzionale ha dato il via libera alla parziale depenalizzazione dell’aborto dopo che il 2 agosto scorso il Parlamento aveva votato a favore del provvedimento. Il divieto totale di interrompere la gravidanza era stato introdotto nel 1989 sotto la dittatura del generale Augusto Pinochet e fino ad oggi non era mai stato messo in discussione. Il provvedimento, che oggi ha passato anche il vaglio dei giudici dell’Alta corte, prevede che si possa praticare l’aborto in tre casi: se è in pericolo la vita della madre, nel caso in cui ci siano gravi difetti congeniti nel feto e infine, se la gravidanza deriva da uno stupro. L’aborto rimane completamente illegale in altri cinque Paesi nel mondo: El Salvador, Nicaragua, Repubblica Dominicana, Malta e Vaticano.

La presidente del Cile Michelle Bachelet ha commentato la decisione della Corte costituzionale su Twitter: “Giorno storico per le donne cilene”, ha scritto. “Con questa approvazione avanziamo in un diritto di base per la nostra dignità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, multato per parcheggio sul posto per invalidi lascia un cartello: “Contento per la tua disgrazia, povero handicappato”

next
Articolo Successivo

India, la Corte Suprema vieta il divorzio istantaneo musulmano: non basta più che il marito pronunci la parola “talaq”

next