L’8 agosto Nabil Rajab, presidente del Centro per i diritti umani del Bahrein, si è visto rinviare per la 15esima volta il processo. Motivo? Aver criticato su Twitter l’intervento militare in Yemen e aver denunciato, sempre su Twitter, le torture compiute nel 2015 nella prigione di Jaw a seguito di una rivolta. Per questo rischia 15 anni di carcere per “diffusione di notizie false in tempo di guerra”, “offesa a un pubblico ufficiale” (il ministro dell’Interno) e “offesa a un paese straniero”.

Rajab sta già scontando una condanna a due anni, emessa il 10 luglio per “pubblicazione e diffusione di voci e notizie false relative alla situazione interna del paese”, a causa di due interviste televisive rilasciate nel 2015 e nel 2016. Non si conosce ancora la data dell’appello. Da mesi è ricoverato in un ospedale gestito dal ministero dell’Interno.

Qualche mese fa era toccato a Ebrahim Sharif, ex segretario generale della Società nazionale per l’azione democratica.

A bre, giunto al terzo rinvio, sarà invece la volta di Yaser Mawali. È stato arrestato il 29 maggio nella sua abitazione sull’isola di Muharraq, da agenti in borghese presentatisi come addetti alle consegne della ditta di spedizioni Aramex.

È accusato di aver ritwittato due post considerati offensivi nei confronti del re. Come prevede l’articolo 214 del codice penale, per chi “offende l’emiro del paese, la bandiera o gli emblemi della nazione” sono previsti sette anni di carcere e una multa pari a circa 22.500 euro.

Nei sei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati arabi uniti, Kuwait, Oman e Qatar), l’uso dei social network è fortemente ostacolato. Ma per le autorità del Bahrein pare essere una vera e propria ossessione.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Schiavitù, l’Italia tra i Paesi Ue più a rischio. Il report: “In agricoltura più di 100mila sfruttati. Non solo migranti”

next
Articolo Successivo

Laura Boldrini dice basta agli insulti sui social network: “Da oggi in poi tutelerò la mia persona e il ruolo che ricopro”

next