Reprimenda del deputato M5s, Giorgio Sorial, a David Parenzo, nel corso de L’Aria che Tira Estate (La7). Casus belli: la frase pronunciata ieri dall’ex vicedirettore de Il Giornale, Salvatore Tramontano, durante la stessa trasmissione. Durante un faccia a faccia con il deputato Pd, Walter Verini, Sorial spiega come funziona la piattaforma politica del M5s, Rousseau. Poi ammonisce il giornalista: “Lei ieri ha permesso che noi venissimo definiti in questo programma “4 zozzoni che fanno democrazia su Internet”. E si è messo anche a ridere. Queste continue falsità, ingiurie, bugie e illazioni che riceviamo dalla mattina alla sera vengano fermate”. “Sono parole dette da un ospite”, replica Parenzo. “Se lei è il conduttore, io gradirei che queste cose non succedano” – ribatte il parlamentare – “Io ho visto il filmato, me lo sono riguardato una decina di volte e sono molto arrabbiato“. “Era una battuta” – spiega il giornalista – “Ma fate votare la rete“. “Io, se parlo, vengo fermato e interrotto da lei” – controbatte Sorial – “Quella persona invece non l’ha interrotta quando ha detto una cosa del genere. E ha offeso non me, ma milioni di italiani che votano e che cercano di fare politica senza prendere un euro, senza aver rubato soldi a nessuno, senza regalare soldi alle banche, cosa che fanno i politici di oggi”. “Domani la reinvito in studio, anche da solo”, risponde Parenzo. “Non so se domani posso esserci, ma un’altra volta sicuramente”, precisa Sorial. “Va bene, facciamo votare la rete se può venire in studio” – ironizza il conduttore – “Io domani la invito in studio da solo, vediamo la moviola di quel filmato e, se ho sbagliato, chiederò scusa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ius soli, Di Pietro vs Alemanno: “È un diritto che va garantito”. “Fai retorica d’accatto, la cittadinanza non si regala”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Battista: “Sicilia? Se temessimo Alfano, saremmo alla canna del gas”

next