“Il suv Ferrari? Probabilmente lo faremo, ma a modo nostro”. L’apertura di Sergio Marchionne alla possibilità concreta che in futuro arrivi uno sport utility col Cavallino sul cofano c’è stata ieri, in occasione della presentazione della semestrale. Ed è stata in parte una sorpresa, visto che in passato più volte lo stesso numero uno della casa di Maranello aveva fatto capire che una soluzione del genere non è nel dna del marchio.

Ma i tempi e le convinzioni cambiano, anche perché la concorrenza nel lusso si sta dotando di “strumenti” del genere: Porsche ha già cominciato da tempo, poi è arrivata Bentley con la Bentayga, seguita da Lamborghini che metterà in commercio il suo Urus il prossimo anno. E anche Aston Martin e Rolls-Royce stanno pianificando il loro bel luxury suv.

Maranello non può certo permettersi di rimanere fuori dal giro, specie considerando il piano strategico che verrà presentato a inizio 2018, e che prevede sostanzialmente il raddoppio dei profitti entro il 2022: il che significa superare il limite auto-imposto di 10.000 auto prodotte all’anno (nel 2016 sono state 8.000 e alla fine del 2017 saranno circa 8.400, aumentando via via nelle stagioni a venire). Per fare questo, uno sport utility è più che consigliato. Anzi necessario, perché secondo gli analisti porterebbe almeno 2.000 vetture in più all’anno.

“Lo spazio c’è ed è molto invitante. Abbiamo parecchi clienti che desidererebbero guidare un’auto del genere piuttsto che una Ferrari estrema“, ha spiegato Marchionne. Già, ma come dovrebbe essere questo utility vehicle non estremo? L’identikit porta ad un’evoluzione della GTC4Lusso in termini di spazio, con 4 posti e tecnologia ibrida (serve per abbassare le emissioni della gamma, al crescere della produzione), che potrebbe debuttare nel 2021.

Ma è lo stesso Marchionne a frenare l’ottimismo sui tempi: “non abbiamo preso alcuna decisione sul costruirla o no, ad oggi l’auto non esiste“. Almeno finché i suoi ingegneri non l’avranno convinto che un “fuoristrada” con il sangue Ferrari nelle vene sia realizzabile. Ma forse sono sulla buona strada.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercedes, a spasso con le sportive Amg GT C e Amg GT R. Una sinfonia di cavalli – FOTO

prev
Articolo Successivo

Minnie Van, la monovolume dei cartoni animati è firmata Honda – FOTO

next