Federica Pellegrini è ancora la più forte del mondo. A quasi 29 anni la campionessa veneta vince la terza medaglia iridata. E l’oro arriva ancora nei 200 metri stile libero, la sua distanza preferita e quella della grande delusione ai Giochi di Rio 2016.

Il suo terzo oro in otto edizioni dei Mondiali è frutto di una progressione irresistibile nell’ultima vasca che le ha permesso di superare la favorita Katie Ledecky – che finora non aveva mai perso una finale individuale ai Mondiali – ed Emma McKeon, poi la russa Veronika Popova. Pellegrini ha trionfato in 1’54″73 staccando di 45 centesimi l’americana e l’australiana – seconde ex aequo – e di oltre mezzo secondo Popova.

Fede aveva già vinto nel 2009 a Roma e nel 2011 a Shanghai. Dopo la vittoria in Cina, aveva conquistato l’argento a Kazan 2015  e Barcellona 2013, Era invece stata terza a Melbourne 2007 e seconda a Montreal 2005.

“Non so cosa è successo, devo ancora rendermene conto. Non pensavo fosse possibile: ci ho provato fino alla fine – ha detto al termine della sua impresa più bella – Non so dove ho trovato questa energia, l’ho voluta con la testa. Ora posso dire di essere in pace, questi erano gli ultimi 200 metri della mia carriera”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Claudia Cretti, la madre della ciclista in coma dopo una caduta a 90 all’ora: “Al risveglio ha detto ‘mamma’”

next
Articolo Successivo

Mondiali nuoto, Gabriele Detti vince l’oro negli 800 stile e migliora record europeo. Paltrinieri terzo alle spalle di Wojdak

next