Prendevano due euro e mezzo all’ora per raccogliere angurie, uva e pomodori. E alcune volte, finito il loro turno di 12 ore nelle campagne, erano costretti a dormire all’interno di container metallici o in ricoveri di fortuna in condizioni igieniche precarie. Funzionava così in diverse regioni, dal Veneto alla Sicilia passando per Puglia, Lazio, Basilicata e Calabria.

Alcuni dei titolari delle aziende e dei caporali che costringevano i braccianti a turni infernali per una paga da fame sono stati bloccati martedì mattina grazie alla seconda fase dell’operazione Alto Impatto-Freedom, condotta dalle squadre mobili di undici città sotto il coordinamento dello Sco. Dieci le persone arrestate, 24 quelle denunciate dopo aver accertato – sostengono le forze dell’ordine – l’inosservanza delle norme contributivo-previdenziali e di sicurezza sui luoghi di lavoro, oltre all’illecita attività di intermediazione tra domanda e offerta, il ‘caporalato’ appunto.

In particolare, in provincia di Ragusa sono stati arrestati 3 italiani, accusati di avere costretto alcuni braccianti a lavorare fino a 12 ore e retribuiti con 30 euro al giorno. Altre 9 persone, sempre nel Ragusano, sono state denunciate per lo stesso motivo. In provincia di Latina, invece, altre 3 persone – sempre italiane – sono state segnalate per sfruttamento: secondo la polizia, costringevano i braccianti a vivere all’interno di container in condizioni igieniche precarie.

Matera i deferiti sono stati tre, mentre nelle provincie di Agrigento e Verona sono state sospese rispettivamente tre attività in tutto e sono state comminate contravvenzioni per 69mila e 25mila euro. Considerando la prima fase dell’operazione Alto Impatto-Freedom, sono state controllate in totale 867 persone e 76 aziende.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arresti ospedale Caserta, il pm “nei reparti dove si eseguivano interventi usati stracci sudici”

next
Articolo Successivo

Preti pedofili, per l’Osservatore Romano le violenze di Ratisbona sono cose da caserma

next