“Il 24 settembre eleggeremo il nostro candidato premier e a fine luglio c’è un appuntamento ancora più importante: chiudiamo il programma di governo e lo mettiamo in discussione con le parti sociali, cioè associazioni, imprenditori, anche gruppi che non ci votano o sono scettici nei nostri confronti”. Lo annuncia a Bersaglio Mobile (La7) il deputato M5S, Luigi Di Maio, che spiega: “Il nostro programma è stato realizzato con docenti universitari e persone che vengono dal mondo dell’imprenditoria. Discutere questo programma con le parti sociali significa anche aggiungere qualcosa, ma ricordo che in questo Paese le idee di sinistra e di destra ormai sono superate dalle idee di buon senso“. Il vicepresidente della Camera, poi, ribadisce l’importanza del vincolo pentastellato dei due mandati: “Pago sulla mia pelle in positivo questa regola, perché ti porta a fare le cose velocemente, sapendo che hai una finestra temporale limitata in cui realizzare le cose per il Paese e poi torni a essere un cittadino comune. E ti conviene lavorare bene, perché, quando ritorni nella società, magari potrai giovare dei risultati che hai portato a casa. Se invece lavori male, ti ritroverai un Paese peggiore di quello che hai lasciato prima di entrare in Parlamento”. Su alcune sue note gaffe, Di Maio rivela: “Ho commesso tanti errori in questi anni. Sicuramente in alcuni casi ho sottovalutato la portata di alcune responsabilità che ho affidato ad alcune persone. Non faccio nomi e in merito non ho mai preso provvedimenti, però molte di queste cose attribuite a me, come la gaffe di Pinochet “dittatore del Venezuela”, vengono dai social network che io, come sa, non gestisco”. E aggiunge: “Io in questi anni ho imparato a non sottovalutare tutti i compiti che assegno, perché alla fine le pago io le conseguenze, anche se l’errore è stato commesso da un mio collaboratore. Ed è giusto che sia così”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vitalizi, Di Maio: “Boneschi? Mi spiace sia morto, ma era giusto citarlo. Accuse di Cicciolina? Mio stipendio è dimezzato”

next
Articolo Successivo

Berlusconi show a La7, scommette con Parenzo e Telese: “pizza e pranzo a Napoli se Forza Italia non prende il 30%”

next