A cinque mesi dagli scontri tra collettivi e forze dell’ordine, ha riaperto all’Università di Bologna la biblioteca di discipline umanistiche. A febbraio, lo spazio di via Zamboni 36 era stato occupato da alcuni studenti contrari ai “tornelli” per il controllo degli accessi. Dopo lo sgombero, con la polizia in assetto antisommossa, la biblioteca è rimasta chiusa fino a pochi giorni fa. Ora che ha riaperto il tornello della discordia è stato spostato vicino ai bagni. “Una vittoria parziale”, esultano i collettivi, ma l’Ateneo non ci sta: “Nessuna resa. Se ci saranno altre tensioni o proteste chiuderemo definitivamente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Savona, l’anestesista è donna: paziente rifiuta intervento e torna a casa

next
Articolo Successivo

Sesto San Giovanni, il no alla moschea fa contenta la destra islamofoba

next