“Se dovessi essere condannato vorrà dire che non vale la pena essere onesti in Brasile”. Solo 20 giorni fa l’ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, diceva così in una intervista radiofonica nell’attesa della sentenza per corruzione. Che oggi è arrivata: 9 anni e sei mesi. Si tratta del primo grado in uno dei processi dell’inchiesta Lava Jat. Lula è stato ritenuto colpevole di aver ricevuto tangenti pari a 3,7 milioni reais (poco più di un milione di euro) – in parte riciclati nella ristrutturazione di un attico di lusso a Guarujà, sul litorale di San Paolo – per via di tre contratti stipulati tra l’impresa di costruzioni OAS e il colosso statale del petrolio, Petrobras. Contestati la corruzione passiva e il riciclaggio

L’ex capo di Stato è stato rinviato a giudizio tre volte nell’ambito dello scandalo sui fondi neri Petrobras. In questo processo era imputato con l’accusa di aver ricevuto tangenti per via di tre contratti stipulati tra l’impresa di costruzioni OAS e Petrobras e attendeva la decisione del giudice Sergio Moro. Nonostante le accuse ancora nei giorni scorsi risultava sempre in testa alle intenzioni di voto per le elezioni politiche in programma a ottobre 2018 seguito dall’esponente della destra radicale Jair Bolsonaro (16%), a pari merito con l’ex leader ambientalista Marina Silva (15%).

Lula, lo scorso 11 maggio, aveva risposto per cinque ore alle domande del giudice federale. Nell’interrogatorio svoltosi in un tribunale a Curitiba, l’obiettivo di Moro era stato proprio quello di verificare se l’ex capo dello Stato sia il proprietario di un immobile di lusso a Garujà, sul litorale di San Paolo. L’intestazione dell’appartamento alla società costruttrice privata Oas, secondo la polizia, sarebbe infatti fittizia e configurerebbe invece occultamento di patrimonio da parte della famiglia di Lula, che ha sempre contestato le accuse. Dal tribunale, l’ex presidente si era poi spostato in una piazza dove era atteso da qualche migliaio di simpatizzanti, davanti ai quali ha ribadito di voler presentarsi alle prossime elezioni brasiliane. “Mi sto preparando per tornare ad essere candidato”, aveva detto Lula, che si dichiara innocente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti: numeri, costi e opportunità di un’industria

next
Articolo Successivo

Donald Trump, presentata per la prima volta al Congresso proposta per avviare una procedura di impeachment

next