“Il Paese, sui vaccini, è diviso a metà. Per una campagna mediatica, non certo per reale esigenza”. Parola di Paola Taverna, che ha presentato oggi – insieme ai deputati Giulia Grillo e Mirko Busto e ai senatori Luigi Gaetti e Giovanni Endrizzi, il Rapporto salute del Movimento 5 Stelle. Programma “elaborato e condiviso con i cittadini sulla piattaforma Rousseau”. Politiche del farmaco, sanità, e corruzione, medicina territoriale, alimentazione, azzardopatia. Ma non si parla di vaccini. “Perché abbiamo una proposta di legge dedicata”, spiega Taverna. “Domani in aula sul decreto Lorenzin i cittadini sapranno che il M5S è dalla parte della trasparenza e della comunicazione, non certo coercizione o obbligo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Matteo Richetti sarà responsabile della comunicazione. GD: “Bene, ma serve svolta su social network e immigrazione”

next
Articolo Successivo

Ddl antifascismo, Bersani: “Legge liberticida? M5S mi stupisce. Ma tutti tirano a destra, fossero solo loro…”

next