“Come vedo Matteo Salvini al Ministero degli Interni? Lo vedo bene, ha determinazione e idee chiare. Ricordo che io lo divenni nel 1994 dopo essere stato assessore al Bilancio al Comune di Varese, quindi non conta l’esperienza quanto il rispetto per le persone e la consapevolezza di essere in un Ministero complesso. Su Montezemolo agli Esteri, invece, non mi pronuncio”. Così Roberto Maroni ha commentato l’ipotesi lanciata da Silvio Berlusconi che vedrebbe Matteo Salvini al Viminale in caso di vittoria del centrodestra alle elezioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rodotà, la battaglia del “professorone” in difesa della Costituzione e contro la deriva autoritaria

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi, a Verona il confronto tra Patrizia Bisinella e Federico Sboarina

next