“Smetto per andare a fare del bene”. Elisa Mele, campionessa d’Italia con il Brescia calcio nella stagione 2015-2016 e già nel giro della Nazionale femminile del ct Antonio Cabrini, ha lasciato il calcio professionista per “andare in Africa a fare la missionaria con altri ragazzi della mia età”. Ad annunciare la decisione è proprio la 21enne calciatrice in una lettera. “Fare delle scelte comporta sempre dire no a qualcosa e sì ad altro… e io sono felice di aver fatto questa scelta nonostante tutte le paure e i mille dubbi che la accompagnano. Mi è costato tanto dire no al calcio, ci ho pensato e ripensato, ma sento che quello che intraprenderò è quello che voglio davvero fare”, spiega la giovane centrocampista. “Se sono la ragazza che sono adesso è anche grazie al calcio perché, in fondo, è lo specchio perfetto della vita di ogni giorno. Gioie, tristezze, salite, vittorie, sconfitte, sacrifici, allenamenti – scrive Mele – ma tutto sempre con entusiasmo e soprattutto con tanta umiltà. Ho sempre sognato di arrivare dove sono arrivata ora e probabilmente anche più in alto. Poi, però, capita che i tanti progetti che avevi in testa iniziano ad essere sormontati da qualcosa di diverso. Si potrebbe dire ‘la vita prende il sopravvento‘”.

Cosa farà d’ora in poi Elisa? “Ad agosto partirò un mese per il Mozambico e andrò in missione con altri ragazzi miei coetanei. Sarei egoista e poco credibile anche con me stessa a dire che partirò solo per aiutare e per fare del bene perché, sono convinta, che prima di tutto andrò per essere aiutata e per ricevere tanto bene. Donando si riceve e sono sicura che riceverò tantissimo. Da settembre, invece, intraprenderò un percorso di studi e le tempistiche non saranno più compatibili con partite e allenamenti”, si legge ancora nella missiva. “Lascio il calcio – aggiunge Mele – perché mi sono resa conto di voler mettere la mia vita e, quindi, anche questo talento a disposizione degli altri. Il calcio sarà sicuramente uno strumento che utilizzerò in tante occasioni come aggregazione, educazione, gioco. Lascio il calcio giocato, non il calcio in tutto e per tutto”. In carriera, scrive la Gazzetta dello Sport, Elisa ha totalizzato con il club bresciano 44 presenze e otto reti in undici stagioni tra settore giovanile e prima squadra. Con la prima squadra del Brescia, oltre allo scudetto, ha vinto anche una Coppa Italia e due Supercoppe italiane.

Foto presa dal profilo Facebook di Elisa Mele

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Donnarumma verso il Real Madrid. I media spagnoli: “C’è un accordo verbale”

prev
Articolo Successivo

Donnarumma ripensa al Milan, anzi no. Una giornata folle sui social: “Discuterò il rinnovo”, ma poi urla all’hackeraggio

next