L’ex presidente del gruppo Pd nell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, Marco Monari, dovrà risarcire la Regione con 518mila euro. Lo ha stabilito la Corte dei Conti, che ha depositato le sentenze sui capigruppo in carica nella scorsa legislatura, citati a giudizio dalla Procura contabile per i rimborsi tra la fine del 2011 e il 2012. Monari fu protagonista di un imbarazzante audio, per cui poi chiese scusa, in cui definiva “troia” la giornalista Milena Gabanelli.

Per Monari la richiesta di condanna era di 614mila euro; dopo di lui la cifra più alta dovrà risarcirla l’ex Idv Liana Barbati, 102mila euro (147mila la richiesta), poi c’è l’ex Udc Silvia Noé (39mila, con 46mila di richiesta). Riduzioni importanti rispetto alle contestazioni per gli altri: Luigi Villani (Pdl) deve pagare 27mila euro e non 101mila, Roberto Sconciaforni (Fds) 13mila e non 89mila, Gianguido Naldi (Sel) 23mila e non 108mila, Andrea Defranceschi, ex M5S, 20mila e non 67mila; l’ex presidente del gruppo Misto Matteo Riva poco più di duemila, a fronte di una richiesta di 96mila. Tutti erano difesi dagli avvocati Antonio Carullo e Giulio Guidarelli.

L’8 giugno scorso la procura invece aveva chiesto sette assoluzioni e sei condanne a pene tra un anno e mezzo e cinque anni: nel processo per peculato a 13 ex consiglieri regionali del gruppo del Pd, per le spese messe a rimborso tra giugno 2010 e dicembre 2011. Nelle prossime udienze prenderanno la parola le difese, mentre la sentenza del tribunale di Bologna è prevista dopo l’estate. La richiesta di pena più alta è cinque anni per proprio per Monari. Il Pm ha chiesto poi due anni e sei mesi per Luciano Vecchi, due anni e tre mesi per Rita Moriconi, tra i cui rimborsi c’era anche un acquisto in un sexy shop, un anno e sei mesi per Thomas Casadei, Roberto Piva, Valdimiro Fiammenghi. Assoluzione per Marco Carini, Gabriele Ferrari, Roberto Garbi, Mario Mazzotti, Roberto Montanari, Giuseppe Pagani e Damiano Zoffoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cyberspionaggio, i fratelli Occhionero citano i ministri Minniti e Pinotti come testimoni. Nella lista i vertici del Copasir

prev
Articolo Successivo

Venezia, dai Rolex ai finanzieri alla rimozione della funzionaria onesta: storie di corruzione per non pagare le tasse

next